Accorpamenti, tagli e smantellamenti in tutta la Provincia. Cisl: "Scelta lesiva e non ragionata" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Accorpamenti, tagli e smantellamenti in tutta la Provincia. Cisl: “Scelta lesiva e non ragionata”

Veronica Crocitti

Accorpamenti, tagli e smantellamenti in tutta la Provincia. Cisl: “Scelta lesiva e non ragionata”

sabato 14 Settembre 2013 - 09:51
Accorpamenti, tagli e smantellamenti in tutta la Provincia. Cisl: “Scelta lesiva e non ragionata”

Da domani spariranno gli uffici giudiziari di Taormina, Lipari, Mistretta e Sant'Agata di Militello, e la Cisl attacca: "Questa non è vera spending review, bisogna tagliare sprechi e inefficenze non andare contro cittadini e lavoratori".

“E’ una riforma operata con tagli lineari e senza tenere in considerazione le specificità del territorio”.

La Cisl Messina si scaglia contro quella “riforma geografica” che, da domani, significherà accorpamento degli uffici giudiziari del territorio messinese e, dunque, smantellamento degli uffici di Taormina, Lipari, Mistretta e Sant’Agata di Militello.

Nonostante proteste, prese di posizione, rassicurazioni dello stesso Ministro e critiche da parte di sindacati e cittadini, infatti, nulla ha fatto sì che si evitasse una tale riduzione e soppressione.

“Purtroppo – scrive il sindacato in un comunicato stampa – la scelta è stata operata a tavolino, tagliando uffici che nella maggior parte dei casi occupano immobili a costo zero, procedendo ad accorpamenti che non hanno gli spazi per poter ospitare personale, arredi e atti. Inoltre, non viene tenuta in alcuna considerazione la disponibilità delle locali amministrazioni comunali ad assumersi tutti i costi di mantenimento dei presidi giudiziari, compreso il costo del personale, pur di mantenere nei loro territori tali importanti servizi”.

Una scelta “non ragionata”, insomma, che rischia di creare più danni di quelli che invece vorrebbe risolvere.

“La riduzione e la soppressione di tali uffici – si legge ancora – com’è stata pensata e messa in atto, crea disagi e disservizi alle realtà distrettuali che sin’oggi hanno rappresentato presidi di legalità sul territorio”.

La vastità della provincia di Messina, infatti, non permette scelte di accorpamento che ledano lo stesso interesse dei cittadini e il loro stesso diritto di avere una giustizia a portata di mano.

Tagliare le spese era necessario ma, a detta del Sindacato, sarebbe stato più proficuo farlo individuando gli uffici improduttivi ed onerosi per lo Stato e procedendo ad una riorganizzazione funzionale.

“Non è un caso – tuona la Cisl – che le continue proteste del nostro territorio e quelle delle provincie limitrofe, vengano sostenute oltre che dal sindacato e dai lavoratori, anche da avvocati, autorità civili e soprattutto dall’utenza costretta a sopportare lunghe trasferte con aggravio di spese e con il ragionevole rischio di dover subire tempi biblici per essere giudicati”.

Danni materiali che si aggiungono poi a quelli economici: mancato rinnovo dei contratti dei lavoratori operanti nel settore e loro inevitabile trasferimento in altre sedi.

La vera spending review, per il Sindacato, è tutt’altra cosa e “non può essere fatta razionalizzando e risparmiando sulla notificazione degli atti, sulle consulenze processuali o sulle custodie”.

Spending review significa evitare sprechi, tagliare inefficienze e valorizzare il personale in servizio.

“Serve l’apertura di un tavolo di confronto con le Organizzazione Sindacali – chiosano – ma è necessaria anche una presa di posizione forte delle Istituzioni Locali, delle Forze Sociali e Sindacali, dei Collegi Professionali e delle Associazioni di difesa del cittadino-utente”.

Sono tutti chiamati a rispondere, obiettivo: “Dare senso ad un riordino vero e serio”.

Twitter @VCrocitti

Tag:

Un commento

  1. Ancora una volta la demagogia, se non altro per ignoranza, la fà da padrona.

    Mi sa tanto chi ha scritto quest’articolo affronta il problema delle sede giudiziarie senza conoscerne appieno tutti i risvolti, favorendo quella sgradevole sensazione che se le giustizia non funziona si può fare e disfare tutto tanto nessuno alla fine paga.
    Ebbene un’ufficio giudiziario come che ne so quello di Mistretta come che ne so il giudice di pace di Rometta hanno un carico di lavoro talmente minimo che accoparlo all’ufficio più diciamo “lavorato” non incide qualitativamente sulle dinamiche di smaltimento del lavoro stesso ma anzi liberando paradossalmente risorse umane Giudici e Cancellieri, si riesca ad accorciare i tempi per ottenere giustizia.
    Per capire ciò affermo ed invito a controllare i flussi di lavoro dei vari uffici giudiziari e rapportarli alla presenza del personale giudiziario e dei giudici. Si capisce definitivamente che la razionalizzazione delle sedi e del personale giudiziario nonchè la copertura organica dei magistrati oltre ad una applicazione “pesante” dell’informatizzaione giudiziaria porterebbe all’abbattimento temporale nella definizione dei processi sia penali che civili.

    Ora è chiaro porsi la fatidica domanda “Si vuole far funzionare veramente l’apparato giudiziario italiano?”
    Bisogna riflettere bene sulla risposta e trarne le dovute conseguenze e posizioni.

    0
    0

Rispondi a antonello-me Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x