Ad Acqualadrone cassonetti stracolmi e rifiuti sparsi. Topi e cani randagi completano l'opera - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ad Acqualadrone cassonetti stracolmi e rifiuti sparsi. Topi e cani randagi completano l’opera

Sara Faraci

Ad Acqualadrone cassonetti stracolmi e rifiuti sparsi. Topi e cani randagi completano l’opera

martedì 01 Ottobre 2013 - 11:09
Ad Acqualadrone  cassonetti stracolmi e rifiuti sparsi. Topi e cani randagi completano l’opera

Cassonetti stracolmi, odori nauseabondi e imperversare di topi e cani randagi nel villaggio di Acqualadrone. Questa la situazione denunciata dal consigliere circoscrizionale, Mario Binacuzzo, che richiede a sindaco e Messinambiente gli opportuni provvedimenti di bonifica dell'area

Cassonetti traboccanti. Cumuli di rifiuti accatastati nei pressi con noncuranza. Odori nauseabondi che impestano la zona e testimoniano la graduale decomposizione che si consuma all’aria aperta. Come fosse normale.

E’ lo scenario poco edificante che si apre a residenti e visitatori di Acqualadrone, costretta a fare i conti con una situazione igienico sanitaria da terzo mondo e il timore costante che questo precario equilibrio possa degenerare in conseguenze ancor più sgradevoli.

Topi e cani randagi la fanno da padrona. Curiosano tra l’immondizia affastellata, allettati dagli olezzi mefitici che vi provengono. Giocano felici tra sedie, contenitori di plastica, materassi esposti alla rinfusa alle intemperie. Strappano gli involucri in cui sono contenuti i rifiuti organici e li sparpagliano nei dintorni. A volte, residui marcescenti fanno la loro sgradita apparizione anche lungo le coste del magnifico litorale, divenendo seria fonte di pericolo per i bimbi che giocano sulla sabbia e prospettando ai turisti uno scenario davvero mortificante.

Un triste biglietto da visita per visitatori, croceristi e chiunque voglia rendere omaggio alle proverbiali bellezze naturali della nostra città e che si ritrova invece a dover venire a patti con un’esperienza ben diversa da quella programmata. Discrasie e contraddizioni dinanzi alle quali far finta di niente, al massimo considerarle parte del locale folklore.

Non ci sta il consigliere della VI Circoscrizione, Mario Biancuzzo, che esige con forza una restituzione al decoro dell’intera area. Ne va della salute dei cittadini, prima ancora della pur sfigurata estetica della splendida costa. La richiesta di Biancuzzo, inoltrata ai vertici di Palazzo Zanca, a Messinambiente e al presidente della VI Circoscrizione, è, dunque, quella di provvedere tempestivamente allo svuotamento dei cassonetti, adoperarsi per una totale eliminazione dei rifiuti che giacciono abbandonati nei pressi e avviare celermente le operazioni di derattizzazione e disinfestazione per riconsegnare il villaggio della costa tirrenica al suo consueto splendore. (Sara Faraci)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Le periferie sono molto attenzionate secondo il Sindaco e l’assessore all’ambiente! Più del centro città….c’è da rabbrividire….Li vogliamo vedere con le pale e i rastrelli a pulire…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007