S. Teresa. Ordinanza contro gli sprechi nell'uso dell'acqua potabile - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

S. Teresa. Ordinanza contro gli sprechi nell’uso dell’acqua potabile

Gianluca Santisi

S. Teresa. Ordinanza contro gli sprechi nell’uso dell’acqua potabile

giovedì 02 Luglio 2020 - 21:50
S. Teresa. Ordinanza contro gli sprechi nell’uso dell’acqua potabile

Stop ai consumi impropri durante l'estate. Previste multe da 25 a 500 euro per chi non rispetta le disposizioni del sindaco

S. TERESA – Un invito affinché si adotti un uso razionale e corretto dell’acqua proveniente dal civico acquedotto, con l’obiettivo di “evitare inutili sprechi e adottare ogni utile accorgimento teso ad attuare un risparmio idrico”. Lo ha rivolto alla cittadinanza il sindaco Danilo Lo Giudice, in considerazione del fatto che nel periodo estivo viene normalmente rilevata una riduzione della portata dei pozzi che alimentano i serbatoi d’accumulo dell’acquedotto. Situazione che va a fare il paio con un rilevante incremento del normale consumo di acqua potabile e che rischia quindi di provocare disagi.

Il primo cittadino ha deciso di regolamentare con un’ordinanza l’uso dell’acqua proveniente dal civico acquedotto, al fine di limitarne i consumi impropri e garantire le necessarie priorità all’uso domestico e civile. Con il provvedimento, si dispone il divieto di utilizzare l’acqua potabile proveniente dal pubblico acquedotto per l’annaffiatura orti e giardini privati; l’irrigazione dei campi; il lavaggio autovetture e simili anche da fontane pubbliche; il lavaggio di spazi di aree private; il riempimento di vasche e piscine private anche da fontane pubbliche; ogni altro utilizzo improprio e diverso dalle normali necessità domestiche e produttive.

Dal divieto è fatta esclusione l’acqua emunta da pozzi privati, quella utilizzata dai gestori degli impianti di autolavaggio, quella per usi zootecnici, industriali ed artigianali e per le attività regolarmente autorizzate. Sono esclusi, inoltre, gli innaffiamenti dei campi da calcio a manto erboso, i parchi e i giardini di uso pubblico, qualora l’organizzazione ne consenta l’innaffiamento notturno. In caso di inosservanza sono previste sanzioni amministrative pecuniarie da 25 a 500 euro, fatte salve più gravi sanzioni di carattere penale che potranno essere riscontrate nel corso delle verifiche.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007