Scilla (RC): Devastano un’area sottoposta a svariati vincoli ambientali. Due le persone denunciate - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Scilla (RC): Devastano un’area sottoposta a svariati vincoli ambientali. Due le persone denunciate

Dario Rondinella

Scilla (RC): Devastano un’area sottoposta a svariati vincoli ambientali. Due le persone denunciate

sabato 11 Luglio 2020 - 12:26
Scilla (RC): Devastano un’area sottoposta a svariati vincoli ambientali. Due le persone denunciate

La ditta durante la fase di preparazione dei lavori e di ripristino delle piste preesistenti, ha deturpato il territorio e modificato lo stato dei luoghi

I Carabinieri Forestali di San Roberto hanno sequestrato in località “Mancusi ” del Comune di Scilla, un’area di proprietà privata dove lavori di ripristino di una pista forestale, condotti illecitamente, hanno di fatto deturpato e destabilizzato un intera pendice montana.

La pista boschiva preesistente, lunga circa 3 km, è stata pesantemente ed illecitamente allargata e rettificata, comportando vistosi sbancamenti e mettendo in pericolo l’intero assetto idrogeologico della pendice montana, peraltro già di natura molto acclive. L’area rientra in un pregevole contesto ambientale protetto dallo Stato con ben tre vincoli ambientali, quali il vincolo idrogeologico, il vincolo paesaggistico e la dichiarazione di Zona di Protezione Speciale (ZPS “Costa Viola”), territorio particolarmente protetto dallo Stato, riconosciuto di importanza Comunitaria ed afferente al programma Europeo Rete Natura 2000.

La ditta la quale risultava essere in possesso di autorizzazione per il taglio di un bosco ceduo di castagno e leccio tuttavia, durante la fase di preparazione dei lavori e di ripristino delle piste preesistenti, ha di fatto deturpato il territorio e modificato lo stato dei luoghi. Lo scempio non è passato inosservato ai Carabinieri Forestali che, allo stato attuale, hanno deferito all’A.G. due soggetti: B.S.A. di anni 49 titolare della ditta boschiva e S.A.M.S. classe 1963, in qualità di direttore dei lavori.

Numerosi sono i reati contestati che vanno dalle irregolarità su “opere svolte in assenza di autorizzazioni”, alla “distruzione di bellezze naturali”. L’area di cantiere ed il mezzo meccanico impiegato sono tuttora sotto sequestro ed a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007