Inceneritore. Formica: "La Regione snobba i lavori della Commissione d'inchiesta" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Inceneritore. Formica: “La Regione snobba i lavori della Commissione d’inchiesta”

Giovanni Passalacqua

Inceneritore. Formica: “La Regione snobba i lavori della Commissione d’inchiesta”

mercoledì 20 Aprile 2016 - 09:25
Inceneritore. Formica: “La Regione snobba i lavori della Commissione d’inchiesta”

"I due assessori invitati non si sono presentati, e la documentazione richiesta non è stata inviata" - spiega il presidente Santi Formica - "chiediamo che il governo regionale non ostacoli, con il suo atteggiamento omissivo, i lavori della Commissione". Oggi una nuova riunione

«Il Presidente ed i componenti presenti alla seduta odierna della Commissione, preso atto del perdurare dell’atteggiamento omissivo da parte dei componenti dell’Esecutivo regionale, hanno rinviato la seduta a mercoledì 20 marzo 2016«. Durissima la Commissione d’inchiesta ambientale sulla valle del Mela, che ha invitato una Regione assente a «ottemperare alle richieste formulate, al fine di non ostacolare ulteriormente i lavori».

Sotto accusa il comportamento del governo: «Si è dovuto constatare, ancora una volta, l’assenza del Governo regionale» – scrive il presidente di Commissione, Santi Formica – «i due assessori invitati, Vania Contraffato e Maurizio Croce, non hanno nemmeno risposto». Ma, per i membri della Commissione, non si tratta di una semplice scortesia istituzionale: «Prendiamo atto che non sono pervenuti i documenti richiesti all’assessorato dell’Energia, all’assessorato del Territorio e all’ARPA, in merito al mancato risanamento ambientale della Valle del Mela; sono invece pervenuti quelli richiesti al Ministero dell’Ambiente».

Intanto continuano le iniziative parlamentari contro l’inceneritore del Mela. “Dopo la terra dei fuochi, la Sicilia sembra candidata ad essere ridotta a terra dei fumi» – chiede ai ministri dell’Ambiente e della Salute Francesco Campanella, di Sinistra Italiana – «l’impianto di San Filippo del Mela che Edipower vorrebbe riconvertire a inceneritore brucerà soltanto CSS, un sottoprodotto del secco differenziato che il piano regionale dei rifiuti non prevede di realizzare. Da dove arriveranno, dunque, i rifiuti da bruciare nella valle del Mela, visto che in Sicilia non ne verranno prodotti?”.

Campanella ha anche richiamato i vari SIN e AERCA con cui sono state perimetrate le aree della valle più a rischio, e il Piano Paesaggistico dell’Ambito 9 che tutela il territorio da ulteriori incrementi dell’industria pesante.

Giovanni Passalacqua

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007