Servizi sociali, regna il caos: dal contratto sbagliato agli stipendi, tutti contro tutti - Tempostretto

Servizi sociali, regna il caos: dal contratto sbagliato agli stipendi, tutti contro tutti

Francesca Stornante

Servizi sociali, regna il caos: dal contratto sbagliato agli stipendi, tutti contro tutti

mercoledì 08 Maggio 2019 - 13:15

Giornate tumultuose a Palazzo Zanca sul fronte dei servizi sociali e della Messina Social City. Scontri anche tra i dirigenti

Nei servizi sociali messinesi è caos vero. Non è bastato dire addio alle cooperative, internalizzare i servizi, assumere 540 lavoratori e dare vita ad una nuova società. In pochi mesi i problemi sono esplosi di nuovo e Messina Social City diventa terreno di scontro politico e amministrativo. Perché quello che è accaduto in questi giorni a Palazzo Zanca coinvolge tutti.

Tutti contro tutti

Dal segretario generale alla dirigente del Dipartimento, consulenti e poi sindacati, consiglio comunale. Una guerra aperta sul caso esploso per il contratto di servizio cambiato all’insaputa del consiglio, un consiglio comunale che vuole vederci chiaro perché ha votato atti chiari e precisi ai tempi del SalvaMessina. Lo stesso consiglio comunale che oggi viene impallinato perché ha deciso di non votare a occhi chiusi una variazione di bilancio per destinare alla Messina Social City nuove risorse finanziarie e che si divide su questo fronte. E così diventano i colpevoli del ritardo negli stipendi. Stipendi di cui non si è saputo nulla per tutto il mese di aprile, ma per i quali il Comune aveva dato il via libera ai pagamenti. Insomma, un vero caos che giorno dopo giorno si ingigantisce sempre di più.

Il contratto sbagliato

Ieri in aula il colpo di scena proprio su quel contratto di servizio firmato tra Messina Social City e Comune e che il consiglio avrebbe dovuto ratificare. Quando però nei giorni scorsi è arrivato in aula, in molti si sono accorti che non era lo stesso che era stato votato a novembre. Che c’erano delle modifiche importanti e sostanziali. Hanno chiesto chiarimenti. E quelli arrivati ieri sera hanno fatto sobbalzare gli stessi consiglieri che si sono trovanti davanti alla durissima presa di posizione del segretario generale Rossana Carrubba nei confronti della dirigente dei servizi sociali Loredana Carrara.

In pratica il segretario generale ha parlato di condotta amministrativa non corretta, di incompetenza relativa perché non le competeva apportare quelle modifiche, di errore, di rischio per l’ente e per la stessa azienda.

Le reazioni dell’aula

Una questione che ha scatenato l’aula. Il consigliere comunale Libero Gioveni ha chiesto al Segretario Generale di prendere provvedimenti disciplinari nei confronti del Dirigente Carrara per gli “errori madornali” commessi nella stesura del nuovo contratto di servizio firmato il 13 marzo scorso. «La fretta di aver voluto a tutti i costi far partire dallo scorso 1 marzo l’attività dell’agenzia evidentemente ha giocato i classici “brutti scherzi”, e chi ne é responsabile, specie se lautamente remunerato, deve pagare. Se non ci pensa il Segretario Generale – reclama il consigliere comunale – ci pensi direttamente il sindaco De Luca, che forse, se non fosse stato troppo distratto in queste ultime settimane dalla campagna elettorale per le Europee, avrebbe evitato questo “abbaglio amministrativo” e, perché no, forse anche la bocciatura ieri sera in Aula della delibera di variazione di Bilancio da lui stesso presentata.

Sulla stessa scia anche il gruppo Ora Messina che si rivolge direttamente al sindaco De Luca: «Chi sbaglia deve prendersi le proprie responsabilità. Gli errori della dirigente Carrara non sono perdonabili, ne chiediamo la sostituzione immediata».

Gli stipendi e gli attacchi

C’è però poi l’altro fronte che ha diviso il consiglio: il voto sulla variazione di bilancio che ieri sera non è passata in aula. Sono sempre gli esponenti di Ora Messina Nicoletta D’Angelo, Giandomenico La Fauci e Francesco Pagano a prendere le distanze da quei colleghi che non hanno voluto dare il via libera a questo provvedimento. «Chiamati a votare la delibera per la variazione di bilancio, che avrebbe consentito la destinazione di 803 mila euro per il pagamento degli stipendi, ci siamo ritrovati ancora una volta in mezzo a battaglie di scopo politico ed errori madornali.

Il nostro voto è stato favorevole. Non abbiamo voglia di nessuna guerra politica, non ci metteremo mai di traverso per motivi preconcetti. Diverso, invece, il comportamento del M5S e di parte del PD che, per l’ennesima volta, hanno preferito mettere davanti alla gente la propria posizione politica; una soluzione di comodo quella di astenersi affidando al resto del Consiglio il destino delle votazioni».

Ancora più duro l’attacco riservato dal sindacato Fiadel che non ha digerito la volontà espressa dall’aula e addita il consiglio come il responsabile del mancato pagamento degli stipendi.

“Lo scontro tra amministrazione De Luca e Consiglio non può giocarsi sulla pelle dei operatori -commentano Clara Crocè e Gianluca Gangemi. Non staremo con le mani in mano e non consentiremo più a nessuno di giocare con il futuro di centinaia di persone. A rischio i pagamenti previsti entro il 15 maggio. L’ennesima beffa ai danni dei lavoratori dei servizi sociali si è consumata questa sera in Aula a Palazzo Zanca. La Messina Social City è un’operazione di ripristino della legalità e della dignità dei lavoratori e reagiremo rispondendo colpo su colpo ai detrattori e a chi fa ostruzionismo».

Francesca Stornante

Tag:

3 commenti

  1. Come non ricordare il giubilo con cui è stata accolta la menzogna di Messina Social City. Titoloni ed articoli al miele si sprecavano, esattamente come in occasione della bufala dello sbaraccamento. Poi c’era chi, come il sottoscritto, vede le cose in modo obiettivo e disinteressato, che metteva in guardia il popolo, sempre più facile preda di chi vive nella convinzione (ormai da diversi anni) di poter influenzare l’opinione pubblica per proprio ed altrui tornaconto. Le europee si avvicinano, siate pronti ad un nuovo attacco congiunto e ben coordinato alla vostra intelligenza.

    0
    0
  2. Il bravissimo e magnifico sindaco abbandona tutto quando i suoi interessi sono altri, adesso è dedito alla campagna elettorale sempre così , comunque abbiamo un sindaco , appena rientra dalle ferie elettorali , ce ne sara x tutti , poverino adesso non c’e .

    0
    0
  3. Ci vuole più Messina in Europa sostiene qualcuno in campagna elettorale.
    Devono già essersi incamminati visto il vuoto a Palazzo Zanca.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007