Tragedia Sansovino, slitta a settembre l'udienza preliminare per i 6 indagati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tragedia Sansovino, slitta a settembre l’udienza preliminare per i 6 indagati

Alessandra Serio

Tragedia Sansovino, slitta a settembre l’udienza preliminare per i 6 indagati

martedì 19 Giugno 2018 - 00:26
Tragedia Sansovino, slitta a settembre l’udienza preliminare per i 6 indagati

Il giudice si è riservato il tempo di decidere su chi ammettere come parti civili e quindi al risarcimento dei danni. Slitta quindi l'udienza per valutare le responsabilità nella morte dei tre marittimi avvenuta al porto di Messina il 29 novembre 2016.

Tutto rinviato a settembre. Il Giudice Simona Finocchiaro ieri ha aperto l'udienza preliminare sulla tragica vicenda della nave Sansovino, a bordo della quale morirono Gaetano D'Ambra, Cristian Micalizzi e Santo Parisi, uccisi dal gas tossico formatosi in un locale della cisterna (leggi qui) mentre eseguivano i lavori di ripristino dell'imbarcazione, all'interno del porto di Messina.

Tante le parti offese che hanno chiesto di essere ammesse quali parti civili; i familiari delle vittime, alcune associazioni di marittimi e anche l'Inail. Ma il giudice si è riservato un poco di tempo per decidere, poiché il processo avrà ripercussioni soprattutto sul piano civile e assicurativo per quel che riguarda i risarcimenti. Si tornerà perciò in aula il prossimo 24 settembre.

Il GUP dovrà valutare la tenuta in via preliminare delle ipotesi di reato di omicidio colposo e lesiono colpose plurime, contestate a vario titolo a Luigi Genghi della società Caronte &Tourist Isole Minori, la sigla creata dal gruppo Franza per acquistare le quote della Siremar; Domenico Cicciò, ispettore tecnico della società responsabile della sicurezza; l'agente marittimo Giosuè Agrillo, il comandante Salvatore Virzì e il direttore di macchina Fortunato De Falco e Vincenzo Franza quale titolare della Caronte&Tourist.

Secondo la Procura di Messina, infatti, la morte dei tre marittimi è stata causata dalla mancanza di condizioni di sicurezza sulla nave. Mancanze che sono da imputare a tutte le società coinvolte nelle operazioni, ai responsabili delegati alla sicurezza, alla società armatrice.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007