Sintomi di ansia e depressione per un italiano su quattro durante il lockdown - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sintomi di ansia e depressione per un italiano su quattro durante il lockdown

Dario Rondinella

Sintomi di ansia e depressione per un italiano su quattro durante il lockdown

domenica 12 Luglio 2020 - 10:35
Sintomi di ansia e depressione per un italiano su quattro durante il lockdown

I risultati di uno studio dell'università di Torino: i più colpiti le donne e i giovani

Durante il periodo del lockdown si sono registrati sintomi depressivi o ansiosi per un italiano su quattro ed i disturbi del sonno sono risultati in forte crescita tra la popolazione, soprattutto per quanto riguarda le donne. E’quanto emerge dal progetto “Cocos”(Covid Collateral Impacts), ideato e condotto dalla professoressa Maria Rosaria Gualano e dal dottor Gianluca Voglino dell’università di Torino.

I risultati dello studio, realizzato nelle ultime due settimane della Fase 1 (19 aprile – 3 maggio), valutando l’impatto del lockdown sui comportamenti e sul benessere degli italiani, sono stati pubblicati sull’”International Journal of Environmental Research and Public Health”.

Dalle interviste condotte su un campione di oltre 1500 soggetti, tutti maggiori di 18 anni d’età, la salute mentale, spiegano i ricercatori, “sembra essere un problema significativo”. In particolare, si evidenziano profili di fragilità tra le donne, i più giovani e tra coloro che hanno subito difficoltà economiche legate al lockdown.

I dati mostrano, infatti, che il 23,2% degli intervistati ha avuto disturbi di tipo ansioso, il 24,7% sintomi depressivi, il 42,4% disturbi del sonno e, per quest’ultima patologia, la probabilità di essere colpiti risulta doppia tra le donne.

“Bisogna mettere al centro dell’agenda di sanità pubblica la cura della salute mentale del cittadino – sottolinea la professoressa Maria Rosaria Gualano – in quanto la sofferenza mentale potrebbe rappresentare un’ennesima pandemia di cui occuparsi a livello globale, soprattutto per i soggetti più a rischio come i giovani, le persone sole e chi ha perso o rischia di perdere il lavoro”.

“L’alto interesse che lo studio ha suscitato tra gli intervistati – aggiunge Gianluca Voglino – testimonia la necessità di ascoltare i bisogni dei cittadini. Serve farsi carico delle persone in modo globale, ancor di più in momenti difficili come quello che stiamo vivendo”. (Fonte AGI)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007