Siracusano: No a pieni poteri per Conte, inaccettabile stravolgere la

Siracusano: No a pieni poteri per Conte. Inaccettabile stravolgere la Costituzione

Rosaria Brancato

Siracusano: No a pieni poteri per Conte. Inaccettabile stravolgere la Costituzione

martedì 14 Luglio 2020 - 08:30
Siracusano: No a pieni poteri per Conte. Inaccettabile stravolgere la Costituzione

"Non importa se la proroga è fino a ottobre a dicembre: lo scandalo resta. Il Parlamento non può essere esautorato"

A livello nazionale il dibattito è acceso e sta creando malumori all’interno della stessa maggioranza del governo giallorosso al punto che lo stesso premier Conte sta correggendo il tiro. Se nei giorni scorsi infatti il presidente del Consiglio Conte aveva ipotizzato di chiedere la proroga dello stato d’emergenza (in via preventiva) fino al 31 dicembre 2020, le polemiche innescate lo hanno spinto a ridurre la richiesta fino al 31 ottobre e comunque a passare da un voto delle Camere. Non solo l’opposizione infatti è insorta ma persino tra Pd e Italia Viva sono state espresse perplessità sul fatto che la proroga consentirebbe a Conte di governare da solo attraverso l’uso di DPCM (sfornati a ritmo continuo). Anche Berlusconi, che finora tra i leader dell’opposizione è stato quello più dialogante con Conte ha scritto una lettera aperta invitando il premier a dare priorità alle garanzie costituzionali.

Siracusano: la proroga uno scandalo

Oggi dovrebbe essere il tema del giorno e anche la parlamentare messinese Matilde Siracusano interviene. “Il presidente del Consiglio pretende di avere pieni poteri, in via preventiva, per ancora diversi mesi- scrive Matilde Siracusano– Che lo stato di emergenza venga prorogato fino al 31ottobre o per tutto il 2020, poco cambia: lo scandalo resta. E il problema è tutto istituzionale. Giuseppe Conte vuole mani libere,evidentemente anche per puntellare la sua traballante poltrona, senza che il Parlamento possa esercitare il democratico e costituzionale compito di controllo rispetto alle decisioni dell’esecutivo. Se nei giorni scorsi non ci fosse stata la protesta corale delle opposizioni e l’imbarazzata presa di posizione di alcuni ambienti della maggioranza, il premier avrebbe ottenuto l’ok al suo disegno con un passaggio veloce in Consiglio dei ministri. Adesso, invece, l’avvocato del popolo -mai definizione fu più infelice – dovrà chiedere il voto di Camera e Senato”

Stop alla stagione dei DPCM

La Siracusano ribadisce come Forza Italia su questa tematica abbia le idee chiare: la stagione dei Dpcm è finita, così come l’ esautoramento del Parlamento. La Costituzione prevede regole e passaggi ben precisi, è inaccettabile continuare a stravolgerli con l’alibi del Covid.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. bonanno giuseppe 14 Luglio 2020 08:38

    ma basta che ridocolaggini…..,,,,le elezioni sono lontane

    3
    0
  2. Da molti articoli si percepisce che ormai Tempostretto ha (per dirla alla Bruno Vespa) un “editore di riferimento”: il centro destra. [Ho virgolettato poichè è un’espressione che prendo a prestito, senza insinuare collegamenti di alcun tipo tra forze politiche e la testata].
    Il costante attacco ai provvedimenti governativi, la continua esposizione delle istanze e delle lamentele delle categorie di esercenti lasciano questa impressione.
    In questo modo di fare giornalismo non c’è nulla di illegittimo, per carità. Di testate neutrali forse non ne esistono.
    Più che neutrali, l’importante è che le testate siano indipendenti.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007