Stretto di Messina, Falcone: "Ponte necessario per alta velocità e non solo" - Tempostretto

Stretto di Messina, Falcone: “Ponte necessario per alta velocità e non solo”

Redazione

Stretto di Messina, Falcone: “Ponte necessario per alta velocità e non solo”

domenica 05 Settembre 2021 - 07:10

L'assessore regionale alle Infrastrutture: "L’ondata di visitatori registrata in Sicilia e in Calabria ha evidenziato ancora una volta quanto sia anacronistica l’assenza di un collegamento stabile fra la nostra Isola e il Continente"

MESSINA – “Si sta per concludere un’estate caratterizzata da ingorghi e disagi interminabili intorno allo Stretto di Messina, per attraversarlo sia in un senso che nell’altro. L’ondata di visitatori registrata in Sicilia e in Calabria ha evidenziato ancora una volta quanto sia anacronistica l’assenza di un collegamento stabile fra Scilla e Cariddi, fra la nostra Isola e il Continente. Ecco perché le parole del vicesegretario del Pd Provenzano, a proposito del Ponte sullo Stretto e dei treni ad alta velocità in Sicilia, appaiono quasi come dissociate dalla realtà, oltre che infondate sul piano tecnico”.

Lo afferma l’assessore alle Infrastrutture della Regione Siciliana, Marco Falcone, commentando le affermazioni dell’esponente politico al Festival “Trame 10” di Lamezia Terme.

“Non è chiaro – prosegue Falcone – quale soluzione logistica consentirebbe di smontare i treni ad alta velocità a Villa San Giovanni, imbarcarli su traghetto e rimontarli a Messina. Non occorre essere degli esperti per capire che chi scinde l’alta velocità ferroviaria dalla necessità storica del Ponte dice una cosa senza senso. Al tempo del governo Conte II, assieme al presidente Musumeci incontrammo l’allora ministro Provenzano assieme al ministro De Micheli, per approfondire il tema del collegamento stabile sullo Stretto e delle infrastrutture in Sicilia. Proprio in quell’occasione – conclude Falcone – Provenzano si disse convinto dell’importanza strategica del Ponte, superando quel pregiudizio ideologico che forse oggi ha ripreso il sopravvento”.

Tag:

5 commenti

  1. bonanno giuseppe 5 Settembre 2021 08:16

    min…..zica n’arrivau nautru……l’alta Velocita e tutta altra Cosa che si puo fare senza Ponti vari …….sistemate prima strade autostrade Siciuliane che sono Trazzere, sistemate la Rete Ferroviaria Siciliana che ancora quella del 1000 A,C…..eper arrivare da Messina a Piazza Armerina, Enna Scicli Caltanissetta doibbiamo raccomandarci l’anima a Dio, sistemate a MUNNIZZA chi nni inchi l’occhi, sistemate la SANITA i Servizi Sociali et etc etc….siamo nella merda assoluta e vi inchiti a bucca cu ponti specie sta gente del Centro Destra che hanno avuto 10 anni di Berluska , Ciucci e la Stretto di Messina RIDICOLIIIIIIII

    6
    10
  2. Per carità!!! Volete distruggere Scilla e zona Faro x un ponte che costerà miliardi x realizzarlo e milioni x preservarlo ogni anno dalla ruggine!!!! L’idea del ponte è x foraggiare le famiglie mafiose calabre e sicule.!!!! Sia di destra, di centro e di sinistra non vedete i veri problemi della gente sicula e calabra e pensate al ponte…..siete dei miserabili senza vergogna!!!!!

    0
    1
  3. Giuseppe ultimare 5 Settembre 2021 18:04

    L’assessore Falcone è l’unica voce che ci ha ricordato l’importanza di realizzare il ponte sullo stretto. Nessuno più infatti si è fatto sentire da qualche tempo neanche dopo aver preso atto dei tempi richiesti per l’attraversamento (code e disagi interminabili). Sembra proprio che manchi la volontà politica di farlo! Sono convinto che se scappa questa opportunità in questo tempo favorevole mai più si realizzerà.
    Quelli che non vogliono il ponte vuoi per motivi politici, vuoi perchè forse danneggia i loro interessi o semplicemente perchè non riescono ad avere una visione ottimistica del futuro, sono quelli che in genere hanno paura dei cambiamenti e si fanno del male, proprio come quelli che quando le aziende hanno introdotto l’uso del computer lo vedevano come un demonio e dicevano :
    ” anzichè aiutarci ci complica la vita, ho sempre fatto così , tutto ha sempre funzionato bene e non voglio cambiare”. Oggi – Settembre 2021- quelli che ragionavano così -e se ancora in vita – mi piacerebbe sapere se riconfermerebbero quella posizione che potremmo definire preistorica. Grazie di avermi dato questa opportunità di esprimere il mio punto di vista.
    Sono un pensionato ma guardo sempre avanti e non intendo farmi ingessare dal passato, che non disprezzo e dal quale anzi traggo stimolo per combattere per un futuro migliore.

    1
    0
  4. Questi politici favorevoli al ponte non riescono a motivare con argomenti seri l’utilità della struttura.

    0
    1
  5. Trovo veramente ridicolo non pensare al “Ponte” nel 2021. Se ne parla da sempre e spero di cuore di riuscire a vedere quest’opera unica nel suo genere tutta italiana (ne sarei orgogliosa) Sarà il futuro per i nostri figli. Lavoro che inevitabilnente produrrà altro lavoro (collegamenti compresi) . Immaginate quante persone al momento si fermano al centro Italia per ammirare le meraglie della nostra Italia ma non vanno oltre visto i collegamenti inesistenti. Facilità trasporto merci. Non ci saranno più treni da smontare e rimontare come se fossero pezzi di lego. In tutto il mondo ci sono delle opere per cui le persone nutrono la curiosità di andare a vedere, ed il ponte, insieme a tutte le meraviglie che in Italia abbiamo da offrire potrebbe essere una di quelle mete. Non pensare al ponte vuol dire non pensare al futuro nostro e dei nostri figli. Scrolliamoci di dosso che non è un’opera valida per la Sicilia perchè ci permetterebbe tanto di più. Chiaramente i nostri politici dovrebbero mettercela tutta per far funzionare a dovere il tutto.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007