Amam e Comune, contratto di servizio e recupero "straordinario" dei crediti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Amam e Comune, contratto di servizio e recupero “straordinario” dei crediti

DLT

Amam e Comune, contratto di servizio e recupero “straordinario” dei crediti

DLT |
giovedì 24 Gennaio 2013 - 18:33
Amam e Comune, contratto di servizio e recupero “straordinario” dei crediti

Il presidente dell’Azienda Acque: «Tra noi ed il Comune c’è massima collaborazione ed è nostra intenzione risolvere la partita dei debiti e dei crediti, che si trascina ormai da troppi anni»

Amam e Comune provano a metter un punto nel loro rapporto. A Palazzo Zanca è stato, infatti, avviato il percorso per la definizione del contratto di servizio tra l’ente proprietario e l’azienda meridionale acque. Che fa acqua anche nei conti. Il Comune avanza circa 28, 5 milioni di euro dall’Amam, che a sua volta- nel proprio bilancio- iscrive crediti nei confronti degli utenti di 70 milioni di euro.

Per tentare di riportare la situazione alla normalità, attraverso un’operazione trasparenza, il commissario straordinario Luigi Croce ha organizzato una serie di incontri, il primo dei quali si è tenuto questa mattina nella sua stanza, alla presenza dei suoi esperti, del ragioniere generale Ferdinando Coglitore e dei dirigenti della società partecipata, con in testa il presidente Alessandro Anastasi. «Ci siamo incontrati – spiega telefonicamente Anastasi –per definire il contratto di servizio. Tra noi ed il Comune c’è massima collaborazione ed è nostra intenzione risolvere la partita dei debiti e dei crediti, che si trascina ormai da troppi anni».

Nello specifico, Amam e Comune stanno lavorando ad un piano straordinario per la ricognizione di tutti i crediti dell’azienda, verificando quanti di questi siano ancora riscuotibili. «E’ un lavoro che richiede molto tempo ed impegna notevolmente gli uffici, ma ce la stiamo mettendo tutta per portare avanti questa operazione verità in sinergia con il Comune e la Fire», aggiunge ancora il presidente Anastasi.

La Fire è la società che si occupa, per conto dell’Amam, del recupero crediti extragiudiziale. Sebbene in un primo momento il commissario Croce sembrasse intenzionato e gestire direttamente i rapporti con la società che ha sede alla Zir – così aveva annunciato nelle sue misure correttive presentate lo scorso dicembre alla Corte dei conti (vedi correlato) – ha, poi, deciso di non escludere completamente l’Amam, condividendo con l’azienda acque le informazioni sugli esiti dei riscontri, che adesso vengono inviati contemporaneamente ad entrambi.

Il reggente di Palazzo Zanca ha, quindi, optato per il dialogo e non per lo scontro, riservandosi tuttavia la prerogativa di avviare sui conti dell’azienda quella che il presidente dell’Amam definisce una «stretta sorveglianza». Anastasi non mostra alcun segno di insofferenza e si dice ben felice di collaborare, per il bene di tutti. «I problemi dell’Amam – dice – hanno origini lontane, che risalgono addirittura al ‘96- ‘97. Sia durante l’amministrazione Genovese, con l’allora vice-sindaco Antonio Saitta, che con l’ex sindaco Giuseppe Buzzanca si è tentato di mettere mani ai conti, ma poi non si è riusciti ad andare sino in fondo. Questa potrebbe essere la volta buona».

C’è, infine, un aspetto che Anastasi ci tiene a chiarire: «La cifra dei 70 milioni di euro non deve ingannare e far credere che a Messina siano tanti quelli che non pagano le bollette dell’acqua. Su circa 80 mila utenze, c’è uno zoccolo duro composto da circa il 25% degli utenti, che sono sempre gli stessi e non pagano da anni. A volte abbiamo difficoltà a rintracciarli perché nel passaggio di contratto da un utente all’altro non vengono a dare la voltura. Stiamo lavorando anche per rimediare a questo intoppo».

Comune e Amam torneranno a sedersi ancora attorno allo stesso tavolo, già a partire da domani. (Danila La Torre)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. antonio campanella 25 Gennaio 2013 08:27

    questa è la città dove tanti non pagano niente: case popolari, acqua, IMU, immondizia , ma continuano a vivere come quelli che paghiamo!Dove i finti poveri con imbrogli e connivenze hanno due-tre case popolari dopo aver venduto le baracche, i meno poveri due- tre case in cooperative risultando separati dalle mogli con le quali convivono.
    L’illegalità è la regola, l’amico lo trovano anche al supermercato per fare il tritato con la carne di prima ma pagato per seconda( mi è capitato ieri,a me il resto non l’hanno tritato)! Se il Comune è in default un motivo ci sarà?

    0
    0
  2. ART.21 COSTITUZIONE. AMAM, un carrozzone inutile ai messinesi, che produce debiti e crediti allo stesso tempo. Anni fa, denunciai l’incredibile vicenda di cantieri edili falliti, sulla collina di Ganzirri, devastata da costruzioni legittime, forse, ma abusive a quel paesaggio rubato ai messinesi, sulle condotte di AMAM, per decenni, si sono allacciate ville con piscine, senza pagare un centesimo di euro l’acqua abbondantemente consumata. Nessuno di AMAM ha mai controllato la rispondenza del pagamento delle bollette dell’acqua con quelle dell’ENEL, bastava farsi dare i tabulati, e far pagare salato i benestanti di quella collina di cemento, un dormitorio estraneo alla tradizione di Ganzirri. I ganzirroti furono gente di mare, forte e coraggiosa, i loro discenndenti si sono fatti scippare la loro collina da quella rendita fondiaria, i cui nomi dovremo fare, prima o poi, per additarli al pubblico ludibrio.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007