Taormina, processo all'ex dirigente Coco per la gara degli asili nido - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Taormina, processo all’ex dirigente Coco per la gara degli asili nido

Alessandra Serio

Taormina, processo all’ex dirigente Coco per la gara degli asili nido

mercoledì 26 Febbraio 2020 - 07:17
Taormina, processo all’ex dirigente Coco per la gara degli asili nido

L'ex dirigente del comune di Taormina Giovanni Coco è stato rinviato a giudizio per irregolarità in una gara per i servizi di supporto agli asili comunali

Affronterà il processo Giovanni Coco, l’ex dirigente comunale di Taormina tra i protagonisti della vicenda Acquewin e ora imputato per un altro caso, relativo alla gara per la gestione dei servizi di supporto agli asili nido comunali.

Il Giudice Simona Finocchiaro ha chiuso il vaglio preliminare dell’accusa a suo carico, tentato abuso d’ufficio, disponendo il rinvio a giudizio. Per Coco il processo comincerà il prossimo 17 giugno davanti ai giudici della I sezione Penale. A difenderlo ci sarà l’avvocato Danilo La Monaca, mentre il comune di Taormina, che è parte civile nel procedimento, è assistito dall’avvocato Giovanni Calamoneri.

In sostanza per l’ex dirigente l’accusa è di aver favorito l’imprenditore Leonardo Le Mura, anche lui a processo per turbata libertà degli incanti. L’uomo è considerato il gestore di fatto della Asofa, la ditta che erogava il servizio, aggiudicata in via provvisoria con una delibera di Coco. Il servizio venne poi prorogato nel 2018 ma il nuovo dirigente che succedette a Coco revocò l’aggiudicazione prima che venisse liquidata la spettanza all’impresa.

La ditta Asofa era stata individuata dal Comune di Taormina come partner nella progettazione e gestione del servizio stesso. Ma i Carabinieri della Compagnia di Taormina, ai comandi del capitano Arcangelo Maiello, acquisirono ed esaminarono tutti gli incartamenti, segnalando una serie di irregolarità nella gara e nella delibera in particolare, dalle procedure per la pubblicità della gara alla scelta dei componenti della commissione esaminatrice.

Sarà ora il processo di primo grado a stabilire se le accuse sono provate o se i due vanno scagionati.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007