Tindari Festival presenta il restauro del “Liber Rubeus” - Tempostretto

Tindari Festival presenta il restauro del “Liber Rubeus”

Redazione

Tindari Festival presenta il restauro del “Liber Rubeus”

Tag:

giovedì 25 Luglio 2019 - 07:52

Non solo spettacoli o performance teatrali e artistiche, ma anche eventi a carattere culturale e di approfondimento storico. Coerentemente con la visione “multiforme” immaginata dal direttore artistico Anna Ricciardi, dal sindaco Mauro Aquino e dall’assessore al turismo Cesare Messina, il 63° Tindari Festival, nella sezione denominata “Books and Arts”, dedica ampio spazio a vernissage, presentazione di libri e manifestazioni tese a divulgare la storia e le tradizioni del territorio pattese e del suo hinterland.

Il Libro Rosso


“Il Liber Rubeus e il suo restauro” è il primo di una serie di eventi programmati a tale scopo. Alle 11.00 di sabato 27 luglio alla Villa Pisani di Patti Marina, il “Libro Rosso” verrà esposto al pubblico nella sua versione restaurata. Si tratta di un manoscritto che custodisce importanti documenti e diversi carteggi. La raccolta è aperta da una pergamena raffigurante lo stemma municipale e contiene privilegi, concessioni, capitoli, consuetudini, giuramenti di vescovi, sentenze e titoli che interessavano la città. Il più antico documento  trascritto in copia è un privilegio del re Ruggero alla
città di Messina, datato 5 maggio 1129.

Il commento di Anna Ricciardi


“Il libro rosso” afferma il direttore artistico del Tindari Festival, Anna Ricciardi “é il segno distintivo e identitario della città di Patti. Il vernissage sarà un’occasione per conoscere anche altri preziosi volumi dell’imponente archivio storico comunale. È un passato che ritorna con la forza  del monito”.

I volumi dell’archivio storico di Patti


Oltre al Liber Rubeus, recentemente restaurato, saranno esposti anche i volumi dell’archivio storico di Patti dal 1579 al 1845 circa, che riguardano la regolamentazione della pesca, le antiche ceramiche pattesi, la ricerca di persone catturate dai turchi o la descrizione delle torri di avvistamento. A seguire alcuni degli atti che riguardano la vendita della città di Patti ad Ascanio Ansalone, l’opposizione dei pattesi alla consegna della città e il successivo pagamento del suo riscatto (1636-1669). È prevista, inoltre, anche l’esposizione dell’atto con cui Ferdinando III concesse a Patti il titolo di Senato (1806).

Le parole del sindaco Mauro Aquino


Il restauro del Libro Rosso è stato fortemente voluto dal sindaco di Patti, Mauro Aquino, con l’obiettivo di salvaguardare e tramandare le origini, la storia e le tradizioni della città: “Era doveroso nei confronti della comunità” afferma il primo cittadino “sottoporre a restauro questo prezioso manoscritto, poiché ritengo che la preservazione della storia sia il primo passo per la costruzione del futuro”.

La ricostruzione del manoscritto ha contemplato anche la sostituzione della copertina e il restauro della famosa lettera scritta Il 18 gennaio 1861 da Giuseppe Garibaldi e indirizzata all’allora sindaco della città, Giovan Battista Natoli Calcagno, in cui si ringraziavano i pattesi per  la generosa accoglienza ricevuta.


Curatrice della mostra è la sig. Maria Letizia, con la collaborazione del personale della biblioteca comunale di Villa Pisani. Al vernissage interverranno il prof. Andrea Romano (Università di Messina) e padre Mariano Colletta (Officine della Memoria). Modererà l’incontro Agostina
Passantino.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007