In via Chiana sorge finalmente il “sole”: completo e attivo il nuovo impianto di pubblica illuminazione - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

In via Chiana sorge finalmente il “sole”: completo e attivo il nuovo impianto di pubblica illuminazione

EDP

In via Chiana sorge finalmente il “sole”: completo e attivo il nuovo impianto di pubblica illuminazione

EDP |
venerdì 20 Gennaio 2012 - 09:24
In via Chiana sorge finalmente il “sole”: completo e attivo il nuovo impianto di pubblica illuminazione

Nel marzo dello scorso anno la pacifica fiaccolata di protesta contro l’oscurità di una strada dimenticata da tutti. Ieri nuovamente tutti in strada per festeggiare alla luce della nuove lampade. Soddisfatto il consigliere della III circ. Santi Interdonato

Tutti in strada, ma stavolta senza candele. E’ così che gli abitanti di via Chiana hanno deciso di “salutare” il nuovo impianto di pubblica illuminazione, che finalmente, dopo ritardi e lentezze burocratiche dovute alla sottoscrizione del contratto (costo lavori 52 mila euro),è stato portato a termine. La luce gialla emanata dalle lampade nuove di zecca, dall’incrocio con la parte bassa di via del Santo e fino a via Salita Contino, permette ai cittadini, per i quali il buio era diventata la condizione di normalità, di guardarsi direttamente in faccia senza correre il rischio di incappare in rovinose cadute ritornando a casa, ma soprattutto senza fare incontro poco piacevoli.

Una situazione diventata decisamente intollerabile per i cittadini che, dunque, “guidati” dal consigliere della III circoscrizione Santi Interdonato, che ha seguito in modo diretto l’intero iter della vicenda, sono scesi in strada, “armati” di candele per protestare contro lo stato di oscurità e di abbandono di cui per fortuna rimane solo un vecchio ricordo. A realizzare il progetto, assumendo anche la direzione dei lavori, è stato l’ing. Vincenzo Ferrarolo, Rup l’ing. Antonio Amato.

Soddisfatto il consigliere Interdonato, a cui piace ricordare proprio la pacifica fiaccolata di protesta «che ha messo in evidenza – commenta – l’inaccettabile inadempienza da parte del Comune. Quell’azione popolare ed il sostegno alla causa da parte dei media locali, è servita moltissimo affinché l’Amministrazione assumesse un impegno pubblico e decidesse di rompere gli indugi esercitando un’azione amministrativa produttiva nei fatti».(EDP)

(foto Sturiale)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. rossetti mariano 20 Gennaio 2012 11:02

    Speriamo che gli abitanti vigileranno sulla integrità dell’impianto e che, soprattutto, qualcuno non scambi le lampade per bersagli per pistola

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007