Antonio Vadalà si conferma leader del varietà: gran finale per il suo Vadalive - Tempo Stretto

Antonio Vadalà si conferma leader del varietà: gran finale per il suo Vadalive

Antonio Vadalà si conferma leader del varietà: gran finale per il suo Vadalive

mercoledì 19 Dicembre 2018 - 08:16
ultima puntata
Antonio Vadalà si conferma leader del varietà: gran finale per il suo Vadalive

Si è conclusa nel migliore dei modi l’esaltante terza stagione del Vadalive, il varietà ideato e condotto da Antonio Vadalà e prodotto dall’agenzia creativa UIDO, con la produzione artistica di Albert Zappa, che ci ha accompagnato nei lunedì di questo autunno 2018 in diretta dallo studio adibito al Centro Polifunzionale Today Center con dieci coinvolgenti appuntamenti sempre pieni di tanto brio, curiosità, intrattenimento e specialmente ottima musica rigorosamente dal vivo, andati in onda su RadioStreet 103.3 e, per la prima volta in versione video, su TempoStrettoTv e sulle pagine facebook di TempoStretto e Today Center.

Si è concluso con una puntata ‘poderosa’ proprio come ci si aspettava data la presenza di ben 25 elementi della Saponara Symphonic Band che, diretti con destrezza dal maestro Paolo Grosso, con la loro per l’appunto poderosa musica hanno inondato lo studio e regalato un momento di spettacolo d’altissimo – e certamente inatteso per un format del genere – livello, ma anche per il ritmo e l’atmosfera frizzante e gioiosa dello show, specchio di un percorso felice condiviso con tanti ospiti illustri e talentuosi, come altrettanto grandiosi lo sono stati gli invitati di quest’ultimo appuntamento: il giovane cantautore messinese Jacopo Genovese che ha strappato applausi a scena aperta con le sue canzoni, leggere e profonde al contempo, intense ma delicate sia nelle sonorità che nella scrittura, frutto di una ricerca e di una sperimentazione calma e sottile e di una notevole, palesata, sensibilità d’intelletto; il dee-jay producer Nello Nicita, storico e apprezzatissimo produttore musicale, con il quale ci si è potuti addentrare in uno spettacolare – tecnicamente ed emozionalmente – viaggio nella musica disco del secolo scorso, con dettagliate spiegazioni e un revivalsonoro sui gloriosi giradischi 1210 della Technics, vero e proprio simbolo di quegli anni; così come un simbolo lo è l’altro ospite della serata, Luciano Fiorino, presidente diRadioStreet ed ex direttore del Teatro Vittorio Emanuele, che ha omaggiato con la sua presenza la conclusione di questo splendido percorso artistico del Vadalive– trasmesso e sostenuto dalla sua RadioStreet assieme a Tempostretto-, un personaggio davvero gradevole, dalle molteplici doti e conoscenze in ambito culturale e dalla personalità gioviale e scherzosa in perfetta sintonia con il clima della serata. Una carrellata di ospiti di tutto riguardo che si sono andati ad aggiungere, come dicevamo, alla già lunga lista di artisti, di personalità, di eccellenze intervenuti nel corso delle precedenti puntate e che testimoniano, come non ha mancato di sottolineare il presentatore Antonio Vadalà, quanto viva e piena di risorse sia la nostra città dietro quell’atteggiamento di menefreghismo e disfatta che invece sembra non lasciare scampo. Da cantanti affermati a livello nazionale come Davide De Marinis,Tony Canto, Luca Madonia, a fenomenali personaggi del mondo teatrale come Giampiero Cicciò o della comicità come Francesco Friggione o del musical come Marco Mondì, o di tutte e tre gli ambiti come Giovanni Belardi, passando per l’ex sindaco Renato Accorinti, l’onorevole Nanni Ricevuto, l’ingegnere Vincenzo Franza, il Professor Dino Bramanti e tutti i giovani e meno giovani artisti che hanno deliziato con la loro bravura il pubblico, numeroso e caloroso, di questa edizione. Un plauso e una menzione vanno anche dedicati a tutte le svariate componenti che hanno permesso, con la loro silenziosa professionalità, la realizzazione del programma: in primis la direzione di RadioStreet, nella figura del già citato e presente nella puntata di chiusura Luciano Fiorino, e di TempoStretto con l’editore Pippo Trimarchi e la direttrice Rosaria Brancato intervenuta nella prima puntata; il Centro Polifunzionale Today Center che ha ‘scommesso’ sul progetto e lo ha ospitato nella sua struttura. La bravissima Francesca Cannavò, curatrice della scenografia dell’accogliente salottino teatro di tutte le performance e di tutte le chiacchieratedi cui abbiamo avuto modo di godere; e poi i ragazzi di WeSport, capitanati da Claudio Costanzo che hanno permesso la fruizione video dello show, e Dino Privitera con la sua Messina Audio Service che ha curato la parte del suono. Infine una menzione speciale a colui che il Vadalive lo ha ideato, forgiato, dotato di un nome – letteralmente – di una voce e di un volto e che lo ha poi brillantemente condotto con maestria e tenacia attraverso le intemperie che un varietà in diretta deve affrontare di puntata in puntata e cioè chiaramente Antonio Vadalà, al quale vanno, di diritto, i più sentiti e calorosi complimenti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007