Una passeggiata tra le Rocche dell’Argimusco. FOTO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Una passeggiata tra le Rocche dell’Argimusco. FOTO

Simone Milioti

Una passeggiata tra le Rocche dell’Argimusco. FOTO

mercoledì 28 Ottobre 2020 - 15:51
Una passeggiata tra le Rocche dell’Argimusco. FOTO

Riconosciuto come il complesso rupestre più affascinante della Sicilia, l’Altipiano dell’Argimusco si trova poco sopra Montalbano Elicona a un’ora e mezza di viaggio da Messina e vale la pena di essere visitato

L’Altipiano dell’Argimusco è una riserva naturale poco distante dal più famoso Bosco di Malabotta. Situato a poco più di 1100 metri sul livello del mare è famoso per essere riconosciuto come un sito archeologico il cui complesso rupestre ha attirato studiosi da tutto il mondo.

Nel periodo storico che stiamo vivendo, con limitazioni sempre più stringenti, l’Argimusco offre la possibilità di evadere dalla città restando all’interno della Provincia e assaporare un buon compromesso tra l’aria di montagna e la consapevolezza di far parte di un qualcosa più grande di noi.

La storia delle rocche dell’Argimusco

La presenza di rocce simili a megaliti ci fa capire come in passato questo luogo era sfruttato dagli uomini per osservare il cielo e studiare l’astronomia, il movimento degli astri e della Terra. Diventando anche un luogo in cui venivano svolti rituali sacri.

A differenza di Stonehenge però le pietre dell’Argimusco sono naturali e non sono state trasportate da altri luoghi e poste sull’Altipiano. Inoltre, tranne per alcune lavorate dall’uomo, il resto delle pietre sono interamente naturali e hanno assunto la forma attuale grazie all’erosione eolica e alle naturali piogge.

L’invidiabile posizione, geografica e gastronomica

L’Altipiano ha una posizione privilegiata che permette di vedere a Nord le isole Eolie, Milazzo, Capo Tindari. Ma al tempo stesso voltandosi dall’altra parte ci si può lasciar sorprendere dall’imponenza dell’Etna. Un punto panoramico invidiabile per l’Altipiano che si trova al confine tra i monti Nebrodi e i monti Peloritani.

Consigliamo vivamente una passeggiata, magari domenicale, all’aperto e con la possibilità – con pochi visitatori – di respirare l’aria di montagna senza mascherina in compagnia dei propri congiunti. In seguito potremmo anche fermarci a ristorarci presso una della tantissime trattorie della zona, col doppio vantaggio di assaggiare dell’ottima cucina e aiutare i proprietari in difficoltà che dovranno, a causa delle nuove normative vigenti, restare aperti solo a pranzo.

Giocare con la fantasia affascinati dalle meraviglie della natura

L’Argimusco è sempre aperta e può essere visitata di notte, in modo da sfruttare l’Altipiano come facevano i nostri avi, quale punto astronomico privilegiato. Ma per chi ha meno familiarità con gli astri e preferisce lavorare di fantasia può essere molto divertente scorgere tra le pietre facce, forme e figure che ci ricordano qualcosa.

Alcune sono anche segnalate da un’apposita mappa, appena si entra nel sito, e sono le più evidenti. Possiamo scorgere la roccia che assomiglia ad un’Aquila o ad una testa di Serpente.

Ancora l’Orante, o definita più semplicemente Madonnina, una roccia in cui si intravede una figura pregare a mani giunte. Il Sacerdote, o il Guerriero, perché di profilo sembra ricordare un po’ un elmo. La Torre, guardando verso Nord, probabilmente posta sopra un’antica tomba.

E così via tutte le rocce sembrano ricordare qualcosa ed anche in quella che è definita la Rocca del Leone in realtà sembra di scorgere la testa di un babbuino, senza dimenticare la vista panoramica mozzafiato che ci fa credere di essere su una terrazza che guarda sulla Sicilia Orientale.

Tag:

Un commento

  1. SOSTENIAMOMESSINA 28 Ottobre 2020 18:00

    Un piccolo appunto sono stato all’ Argimusco a Giugno 0 Turisti solo il pastore… FANTASTICO, l ‘appunto è per la totale assenza di indicazioni e per il pessimo stato dell’ultimo tratto che conduce all’ingresso del sito. E parlano di turismo… stesso discorso vale per i Peloritani (sfruttati solo per consumare cibo pronto e lasciarne i resti ). Piccola nota di colore.. in giro per il mondo s’inventano miti e leggende e fanno i soldi Noi che le abbiamo o potremmo inventarne…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x