Vaccini Astrazeneca, caso sospetto a Messina: 55enne in coma per tromboembolia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Vaccini Astrazeneca, caso sospetto a Messina: 55enne in coma per tromboembolia

Alessandra Serio

Vaccini Astrazeneca, caso sospetto a Messina: 55enne in coma per tromboembolia

mercoledì 24 Marzo 2021 - 21:36
Vaccini Astrazeneca, caso sospetto a Messina: 55enne in coma per tromboembolia

La docente era stata vaccinata in Fiera 13 giorni fa. Scattata la segnalazione all'Aifa. La famiglia: era sana

E’ scattata la segnalazione all’Aifa sul caso di una docente cinquantaquattrenne di Messina ricoverata in gravi condizioni, in Rianimazione al Policlinico, per una tromboembolia.

La donna era stata vaccinata col siero Astrazeneca lo scorso 11 marzo, all’hub dell’ex Fiera. Il Policlinico, dopo 24 ore di monitoraggio e dopo averla sottoposta ad un delicato intervento neurochirurgico, hanno deciso di sottoporre il caso all’Agenzia Italiana del Farmaco.

La signora era in ottime condizioni di salute ed ha effettuato la vaccinazione in assenza di patologie e controindicazioni – spiega l’avvocato Daniela Agnello, legale della famiglia – Dopo la somministrazione ha accusato febbre alta oltre 39° e fortissimi mal di testa. La sintomatologia del mal di testa è stata continua e incessante. La febbre si è ripresentata a distanza di due giorni sempre a 38°.”

Sabato 20 marzo sono state effettuate delle analisi di laboratorio il cui risultato, consegnato il lunedì successivo, ha evidenziato un quadro clinico preoccupante in quanto i valori indicavano la presenza di una trombosi e una grave trombocitopenia. E’ stata immediatamente ricoverata d’urgenza al Policlinico e dalla tac con risonanza magnetica e dall’angio tac è risultato un quadro clinico di grave entità. Sono state evidenziate trombosi all’aorta iliaca, alla vena porta, alla giugulare, un’embolia polmonare ed una trombosi a livello encefalico. Oggi è sopraggiunta una emorragia cerebrale e l’insegnante è stata operata d’urgenza nel reparto di neurochirurgia.

“I familiari intendono precisare che la congiunta di anni 55 non ha mai sofferto di patologie, non è allergica e non prende farmaci abituali – spiega l’avvocato Agnello”. La famiglia intanto aspetta fiduciosa gli esiti dell’operazione. Tanta paura, preoccupazione e smarrimento per loro, in queste ore: in famiglia si erano affidati al delicato passaggio della vaccinazione senza paura.

Articoli correlati

Tag:

4 commenti

  1. sembra che tutti i vaccini astrazeneca li abbiano mandati in sicilia,dove in qualsiasi posto chiedi questo è il vaccino,inoltre sembra che l’unico posto per vaccinarsi sia la fiera ,questo è inconcepibile,cambiano i commissari,ma la musica a messina è sempre la stessa.

    25
    6
  2. Non è sostenibile che non ci sia una connessione con il vaccino.. Lo Stato ha l’obbligo di indagare e fare chiarezza. Non Si puó morire per il vaccino per evitare il Covid 19

    6
    1
  3. Bloccate definitivamente questa bozza di vaccino a basso costo. Con meno di 2 Euro, non si compra nemmeno una buona granita con panna e brioches, figurarsi un vaccino! La massa, deve ancora fare la seconda dose. Bloccatelo, e soprattutto, non impone telo. Sì al Vaccino, no ad Astrazeneca.

    6
    1
  4. Sarà sospetto e non certo ma il copione sembra Lo stesso nei casi avvenuti dopo la somministrazione del vaccino….Renderlo noto all’Aifa, giusto… Ma mi sa che la logica è siamo in guerra e qualche vittima resterà sul campo,ok ma se capita a te?….Ma poi siamo sicuri che è un tipo di battaglia che porterà alla vittoria?

    4
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x