Valeria Migliorato: “Il Judo rappresenta parte della mia essenza” - Tempo Stretto

Valeria Migliorato: “Il Judo rappresenta parte della mia essenza”

Piero Genovese

Valeria Migliorato: “Il Judo rappresenta parte della mia essenza”

giovedì 25 Aprile 2019 - 08:00
Valeria Migliorato: “Il Judo rappresenta parte della mia essenza”

Valeria Migliorato, peloritana che per motivi di lavoro si è dovuta trasferire al Nord, ricorda la sua passione per il judo, disciplina iniziata intorno ai 7 anni quando, in palestra, iniziò a guardare le lezioni del fratello. Dopo l’invito dell’istruttrice a provare una lezione, per lei fu amore a prima vista.

Valeria Migliorato in judoji bianco

Ricordo – spiega l’ex atleta di Cus Unime e Heiwa, cintura nera III dan, “la sensazione di libertà che mi davano i piedi nudi sul tatami, mi sentivo libera e felice anche se, a scuola, ero della mia classe che praticava tale disciplina visto che, le altre compagne, avevano scelto danza”.

“Ebbi – confessa – qualche difficoltà nell emergere, mi sentivo insicura, timida e ciò mi aiutava poco. Grazie agli allenamenti, e i combattimenti, ho capito che dovevo mettere cuore e grinta, che mi davano anche la spinta per poter vincere”

Valeria Migliorato – fase di combattimento

Da qui arrivano una serie di successi che portano la Migliorato a conquistare, a soli 17 anni, il terzo posto al Campionato Italiano di Categoria. Risultato che vale doppio, visto che, proprio in virtù di quel piazzamento, acquisisce la cintura nera. Inizia anche a viaggiare, conosce nuove realtà e stringe amicizie da ogni parte d’Italia.

Nel corso di un combattimento a squadre

Rispetto, educazione e disciplina. Sono concetti – spiega l’ex atleta – che nel judo si imparano subito e, in merito a questa disciplina come forma di difesa personale afferma: ”E’ molto utile, per le donne la difesa è un arma importante e il judo aiuta molto, grazie a leve, strangolamenti, e tecniche di squilibrio che lo caratterizzano”.

Trasferitasi al Nord per lavoro, alla Migliorato questa disciplina manca molto. “Mi mancano i piedi nudi sul tatami, gli allenamenti quelli duri, in cui per combattere dovevi stringere i denti per via dei muscoli che tremano”. Ringrazia tuttavia la sua famiglia per averla sempre sostenuta sia nella vita che nello sport e la sua istruttrice, Mimma Soraci, per aver sempre creduto in lei.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007