Processo Raffineria, Calderone scrive al Governo: "Regione sia parte civile" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Processo Raffineria, Calderone scrive al Governo: “Regione sia parte civile”

Santi Cautela

Processo Raffineria, Calderone scrive al Governo: “Regione sia parte civile”

martedì 21 Agosto 2018 - 14:03
Processo Raffineria, Calderone scrive al Governo: “Regione sia parte civile”

Inquinamento della Valle del Mela, l'inchiesta sui tre ex direttori della Raffineria di Milazzo fino al 2014: adesso la vicenda si sposta sui scranni dell'Ars. E' il deputato Tommaso Calderone a scrivere alle autorità

La vicenda legata alla tematica dell'inquinamento ambientale della Valle del Mela ritorna a Palermo. "In data odierna ho inviato una missiva indirizzata al Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, agli Assessori Toto Cordaro e Alberto Pierobon, e al Sindaco della città metropolitana di Messina, on. Cateno de Luca, per formalizzare un'esplicita richiesta: valutare se costituire la Regione come parte civile nei procedimenti penali a carico dei vertici – pro tempore – della Raffineria di Milazzo – dichiara il deputato regionale di Forza Italia Tommaso Calderone – A ottobre è fissata l'udienza preliminare e i reati contestati sono tanto gravi quanto dannosi per la salute e l'ambiente".
In passato, la procura di Barcellona Pozzo di Gotto aveva chiesto l'archiviazione del procedimento contro 3 ex direttori della Raffineria di Milazzo ma le 27 persone offese citate nel provvedimento si sono opposte e il gip del Tribunale, respingendo la richiesta dei pm, ha ordinato agli stessi di formulare l'imputazione coatta. Sotto accusa Marco Antonino Setti, Gaetano De Santis e Pietro Maugeri per gettito di cose pericolose e disastro colposo, fatti imputati fino al 2014.
"L'invito a costituirsi parte civile – continua Tommaso Calderone – è esteso anche a tutti i Sindaci delle zone limitrofe perchè, il diritto alla salute della nostra gente, ha la priorità su tutto".
Abbiamo il diritto di sapere come stanno le cose, specie sulla possibile incidenza delle emissioni prodotte dalla Raffineria e l’aumento di gravi malattie fra i residenti della città. Per tale motivo – conclude il Parlamentare – confido nella Magistratura affinché faccia il suo dovere, così come la Politica dovrà fare altrettanto. Di certo, da parte mia prometto massima allerta nella duplice veste di deputato e avvocato penalista".

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Non spendiamo soldi inutile per le parti civile .L’avv.onorevole si occupi della grande disoccupazione che regna in Sicilia e mantenga le promesse della sua campagna elettorale che ogni volta ritorna nell”oblio.Pensi ,le cose urgente per la Sicilia che e’ la POVERTÀ che incombe ogni giorno in migliaia di famiglie.Gli abbiamo dato un mandato lo svolga nel bene dei Siciliani..hx

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007