Interventi di potatura e battaglia anti-punteruolo rosso, per il Pd gli ennesimi disastri dell’amministrazione - Tempostretto

Interventi di potatura e battaglia anti-punteruolo rosso, per il Pd gli ennesimi disastri dell’amministrazione

ELENA DE PASQUALE

Interventi di potatura e battaglia anti-punteruolo rosso, per il Pd gli ennesimi disastri dell’amministrazione

martedì 20 Marzo 2012 - 14:36

L’esperto agronomo Saverio Tignino “boccia” la politica di programmazione dell’assessore all’arredo urbano Elvira Amata: «Operazioni dannose per gli alberi». Il capogruppo Calabrò affonda: «Buzzanca come il punteruolo rosso, impossibile salvarsi»

Quella potatura non s’aveva da fare. Ne sono certi i rappresentanti del Partito democratico che questa mattina, durante la conferenza stampa organizzata nella saletta commissioni di Palazzo dei Leoni, hanno spiegato, in termini tecnici, ma anche inevitabilmente politici, le ragioni che psingono a valutare l’ennesimo fallimento dell’amministrazione Buzzanca nell’ambito del settore arredo urbano. Nel mirino del Pd, l’assessore all’arredo urbano Elvira Amata e la gestione degli interventi di potatura e di prevenzione dal punteruolo rosso. Un pericolo quest’ultimo, da cui purtroppo non è possibile salvarsi, «un po’ come è impossibile salvarsi da Buzzanca» ha aggiunto il capo gruppo del Pd Felice Calabrò cogliendo al volo l’assist dell’esperto ambiente del Partito democratico Saverio Tignino.

Ed è stato proprio l’agronomo Tignino a spiegare, supportato dalle fotografie scattate nelle diverse zone della città, perché le operazioni di potatura disposte dall’assessore, abbiano creato più danni che benefici. «Innanzitutto – esordisce il Pd – le operazioni sono state inizialmente avviate nel maggio scorso, a ridosso dell’estate e dunque in concomitanza alla fase di nidificazione dell’avifauna nell’ignoranza di quanto disposto dalla legge 157/92. Periodo assolutamente sbagliato. Ben presto, a seguito di due nostre interrogazioni consiliari, il servizio, atteso da ben tre anni, è stato sospeso ed è stato ripreso da qualche settimana, in periodo invernale, come logica e buon senso impongono». Ad essere sbagliati però, non sono stati solo i tempi. Errate, a detta dell’agronomo Tignino, si stanno infatti rivelando anche le modalità di potatura: «Si effettuano interventi costosi e dannosi, ricorrendo a mutilazioni eccessive, piuttosto che limitarsi alle sagomature della chioma meno invasive e più economiche. Infatti – continua – asportando completamente le fronte e riducendo a monconi le ramificazioni principali, si sostengono costi sicuramente più elevati rispetto a quelli sostenibili per sagomare la parte aerea. E’ dunque possibile affermare – spiega l’esperto del Pd – che l’amministrazione, anche in questo caso, abbia agito in piena coerenza con le politiche di sperpero del denaro pubblico e danneggiamento del patrimonio arboreo messo in atto sin dal suo insediamento».

Ma quanto appena detto, riguarda esclusivamente il capitolo “potatura”. Discorso non meno complesso sul il fronte della battaglia anti punteruolo rosso, il pericolosissimo insetto che negli ultimi anni ha fatto strage di palme in diverse zone della provincia, interessando fortunatamente in misura minore Messina. Una vicenda nella quale, a detta del Pd, l’amministrazione sembra aver assunto un atteggiamento a dir poco “schizofrenico”: «Dopo aver nominato un’esperta parassitologa, si impegnano 60 mila euro per eseguire lavori dannosi e contrari al Piano di Azione Nazionale. Successivamente si emana l’ordinanza sindacale n°93 che stabilisce le operazioni da eseguire e quelli da evitare, ma, ed è qui che si tocca l’assurdo – afferma Tignino – nelle palme presenti nella piazza al Tribunale vengono avviati proprio quei lavori che l’ordinanza stessa vieta». E sia arriva dunque all’atto finale, quello del bando di qualche giorno fa, e vinto dal Consorzio Siciliano, con cui si prevede che la fase dei controlli venga effettuata dalla stessa ditta che ha vinto l’appalto: «In altre parole – aggiunge Calabrò – il controllato (l’impresa) avrà alle proprie dipendenze il controllore (il direttore dei lavori). Di fronte a tutto questo non possiamo non essere obbligati a ritenere che l’amministrazione prosegue solo nella politica dei proclami e delle inaugurazioni». L’affondo finale però è di Tignino: «Se queste sono le premesse, con un bando di questo tipo (indicate anche altre incongruenze procedurali, ndr) viene da chiedersi cosa si concluderà e soprattutto a cosa servirà il convegno programmato per domani dove, appunto, si parlerà di punteruolo rosso. L’ennesimo pannicello caldo utile a coprire inadempienze e lacune che contraddistinguono la mancanza di programmazione e di professionalità dimostrata da questa giunta». (ELENA DE PASQUALE)

Tag:

3 commenti

  1. A proposito di CONTROLLORE e CONTROLLATO esiste,sempre nell’ambito dell’ATO3,un caso più emblematico e roboante di quello del punteruolo rosso ed è presto detto: il CONTROLLATO ex Presidente dell’ATO3 è la medesima persona dell’attuale CONTROLLORE Commissario Liquidatore dell’ATO3 e cioè ANTONIO RUGGERI!!!!Per carità la qual cosa potrà pure essere legittima,ma sicuramente è deontologicamente SCORRETTISSIMA!!!!!!

    0
    0
  2. Continuo a vedere che,anche,per il PD ed ha l’agronomo in casa, non esiste la PASSEGGIATA A MARE ,malgrado le segnalazioni della primavera del 2011 fatte al presidente della circoscrizione da parte mia,una sfoltita ai rami che toccano a terra,costituendo pericolo per i bambini che corrono,giocano o vanno in bici DOVREBBE darsi.I tre o quattro pali della pubblica illuminazione,lato mare,mancanti dopo la sciroccata del 2009,si potrebbero ripristinare.Non dimentichiamo che è iniziata la stagione dei crocieristi e parecchi di loro,quelli che rimangono in città si fermano in questo che era il salotto di Messina:
    FINIAMOLA CON LE BEGHE DI GOVERNO ED AGIAMO !!!!! Sveglia anche per l’opposizione che continua a dormire!
    Dimenticavo il Presidente della Circoscrizione(Quartiere)della Passeggiata è:
    del P.D.

    0
    0
  3. precario affamato 21 Marzo 2012 08:19

    ora dico io un ASSESORA che nella vita privata fa la biologa che centra con le potature il verde mica sono urine o sangue ad ognuno il suo mestiere e poi chi sarebbero gli addetti al controllo chi a la specializzazione in merito a dimenticavo CI SONO I CONSIGLIERI COMUNALI CHE RISULTANO ESSERE DIPENDENTI DELLE COOPERATIVE CHE GESTISTICONO TUTTO ASSESOARATO ALL,ARREDO URBANO E PARE CHE QUALCUNO SA TUTTO COME FARE POTARE ED FAR RIPRISTINARE LE FONTANE CHE GUARDA CASO SONO SEMPRE ROTTE MA CHI SA COSA CE DIETRO E SI IN QUESTA CITTA SUCCEDE ANCHE QUESTO IO SONO DISOCCUPATO E MI ARRANGIO E INVECE CHI DOVREBBE AIUTARE LA POVERA GENTE LAVORA CO LE COOPERATIVE CHE EFFETUANO LAVORI X IL COMUNE MA DICO UNA SOLA COSA VERGOGNA DIMETTITI ASSESORA FATTI LA BIOLAGA SE LA SAI FARE FINCHE SEI IN TEMPO QUALCOSA BOLLE IN PENTOLA

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007