VIDEO Vera accolta all'Irccs di Messina, il papà: "Vi racconto il suo calvario. Ho tanta speranza" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

VIDEO Vera accolta all’Irccs di Messina, il papà: “Vi racconto il suo calvario. Ho tanta speranza”

Carmelo Caspanello

VIDEO Vera accolta all’Irccs di Messina, il papà: “Vi racconto il suo calvario. Ho tanta speranza”

giovedì 16 Gennaio 2020 - 12:47
VIDEO Vera accolta all’Irccs di Messina, il papà: “Vi racconto il suo calvario. Ho tanta speranza”

Ringrazio il Centro neurolesi per la grande umanità e professionalità e la Fondazione Poliambulanza di Brescia che l'ha ospitata quando mia figlia in coma è andata via da Londra e ora ha pagato le spese del volo, per me proibitive"

L’intervista al papà di Vera, Pippo Rigano (di Carmelo Caspanello)


di Carmelo Caspanello

MESSINA – “Mia figlia è stata accolta a Messina con grande dignità e professionalità, non posso che ringraziare l’Irccs (Centro neurolesi Bonino-Pulejo) nella persona del direttore scientifico Dino Bramanti. E consentitemi di rivolgere un immenso grazie alla Fondazione Poliambulanza di Brescia, che ha ospitato Vera quando a Birmingham c’era stato detto che non erano più disposti a curarla. Fondazione che adesso si è accollata le spese del trasferimento in aereo, per me proibitive”. Pippo Rigano è commosso. Stanco. Ma non molla. Mercoledì sera è tornato a casa insieme alla moglie Maria, a S. Teresa, da dove mancava dal 28 luglio, giorno in cui la figlia 41enne è stata colta improvvisamente da malore ed entrata in coma, a Londra, dove lavorava.

Vera Rigano

Sin dal primo momento era giunta la disponibilità dell’Irccs di Messina (Centro neurolesi Bonino-Pulejo), attraverso il direttore scientifico Dino Bramanti, ad accogliere la giovane originaria di Scifì, frazione di Forza d’Agrò.

I due centri di eccellenza si sono messi in contatto. Vagliate le condizioni di Vera è stata esclusa la possibilità di un lungo viaggio in ambulanza. Unica possibilità l’aereo. Parliamo di condizioni che rimangono critiche. “Ma ci sono segni di miglioramento – ci spiega il papà – che per noi sono importanti. A Brescia è stato fatto il primo piccolo-grande passo. Alla città lombarda e all’ospedale che ci ha accolti va la mia gratitudine per quanto hanno donato, in senso lato, a Vera e a noi. E’ venuto a trovarci anche il Vescovo.

Adesso siamo a Messina, in un centro di eccellenza, con la grande speranza di fare tanti altri piccoli passi. So che vera è in ottime mani”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007