L’OrSa denuncia nuovi disagi per 40 dipendenti del settore vigilanza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’OrSa denuncia nuovi disagi per 40 dipendenti del settore vigilanza

L’OrSa denuncia nuovi disagi per 40 dipendenti del settore vigilanza

giovedì 30 Giugno 2011 - 06:32
L’OrSa denuncia nuovi disagi per 40 dipendenti del settore vigilanza

Secondo quanto denunciato dal sindacato i lavoratori "vittime" di vecchi rancori tra la vecchia società "Il Detective" e quella che si è aggiudicata il nuovo appalto di vigilanza notturna all'Università, la "Ksm". Chiesto l'intervento del prefetto Alecci

Il lungo periodo di silenzio seguito alla vertenza dei lavoratori impiegati nel settore della vigilanza dei locali dell’Università, in occasione del cambio di appalto dalla società “Il Detective” alla Ksm, induce l’OrSa a denunciare quanto in realtà era stato previsto nei mesi scorsi,ovvero il rischio del posto di lavoro per oltre 40 famiglie messinesi. La segretaria di settore Francesca Fusco che scrive al prefetto Alecci chiedendo un confronto tra le parti, ripercorre le fasi più salienti della vertenza.

«Durante l’espletamento per il trasferimento dei lavoratori dall’azienda uscente – (Il detective) alla subentrante (Ksm), l’OrSA – ricorda la Fusco – avvisò che oltre 40 guardie armate sarebbero rimaste senza lavoro e oggi si stanno concretizzando le nefaste previsioni. “Il detective” da circa cinque mesi tiene i lavoratori rimasti in organico in una sorta di limbo gestito con lo sfruttamento delle ferie residue in fase di esaurimento; Ksm rivendica la messa in mobilità delle maestranze rimaste in forza alla vecchia società, per riaprire un confronto volto al ricollocamento dei lavoratori esclusi ma quest’ultima rifiuta aprioristicamente l’operazione di messa in mobilità delle maestranze»
In questi mesi l’azienda messinese ha dato comunicazione dell’aggiudicazione di un appalto presso il tribunale di Reggio Calabria, ma non ci è dato sapere il motivo per cui tarda l’isediamento nell’appalto visto che a domande chiare e dirette, afferma l’OrSa, la dirigenza de Il detective risponde in modo vago. Ksm intanto gestisce l’appalto con 43 lavoratori e le promesse di ricollocazione dei lavoratori esclusi sono finite nel dimenticatoio: «»Sembra di rivivere l’esperienza – continua la Fusco – del trasferimento dell’appalto di vigilanza del Policlinico quando fra promesse e proclami molte guardie armate messinesi rimasero disoccupate. Tutto quanto esposto fornisce un quadro chiaro della situazione incandescente: le guardie, tra l’ incertezza del futuro occupazionale e della retribuzione ( è inutile descrivere come i ritardi nei pagamenti abbiano creato grave pregiudizio nella vita personale di ogni lavoratore) e la vaghezza delle risposte aziendali in merito all’ipotetico appalto di Reggio Calabria, sono pronte a porre in essere tutte le azioni possibili per rivendicare il diritto all’occupazione e arrivare ad un punto chiaro di questa vicenda che assume sempre più i connotati di una farsa tragicomica».

L’intervento del prefetto viene dunque considerato necessario, così come altrettanto utile viene considerato quello dell’Ufficio dell’Ufficio Provinciale del Lavoro in qualità di garante degli accordi sottoscritti.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Rispetto il sindacato, rispetto Alecci e soprattutto rispetto i 40 lavoratori. Ma temo che il prefetto possa fare ben poco… Secondo me bisognerebbe puntare il dito contro il sistema-università di Messina, che a mio avviso è oggetto di numerosi interessi.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007