Klaus Davi: "Il Comune di Messina intitoli una via a Giuseppe Mandanici" - Tempo Stretto

Klaus Davi: “Il Comune di Messina intitoli una via a Giuseppe Mandanici”

Klaus Davi: “Il Comune di Messina intitoli una via a Giuseppe Mandanici”

lunedì 20 Novembre 2017 - 08:02
Klaus Davi: “Il Comune di Messina intitoli una via a Giuseppe Mandanici”

Due sicari lo uccisero a Mazzarrà Sant'Andrea perché gay, nel 1993, all’età di 32 anni

Ucciso da due sicari perché era gay e si travestiva da donna. Assassinato se non proprio dalla mafia, per effetto del barbaro sostrato sottoculturale di una classica mentalità mafiosa. Accadde il 13 agosto 1993 a Mazzarrà Sant’Andrea, in provincia di Messina. Il ragazzo in questione si chiamava Giuseppe Mandanici, aveva 32 anni ed era figlio di un noto vivaista di quel paesino.

Il padre di Giuseppe, Vincenzo (che mori suicida anni dopo), non si faceva una ragione della omosessualità del figlio e giunse ad assoldare due sicari per ucciderlo anche se poi in Corte d’appello fu assolto nel 1995 nonostante le inequivocabili ammissioni dei due killer e nonostante le proteste dell’Arci Gay che fece una dura battaglia. Secondo le cronache di allora i due raggiunsero il ragazzo nel luogo dove si prostituiva poco fuori paese e gli spararono ferendolo di striscio. Ma dopo 31 giorni, Giuseppe mori per effetto di quei colpi. In quelle ore che lo separavano dalla morte , ancora lucido, dichiarò “la vita con mio padre è stata orribile. Lui non mi accettava e la mia vita è diventata un inferno. Sono solo come un cane.”

“Giuseppe è una vittima del pregiudizio, proprio come Ferdinando Caristena trucidato dalla ‘Ndrangheta a Gioia Tauro, anche lui per la sua omosessualità e alla cui memoria il comune di Gioia ha intitolato una via il 5 novembre scorso. Per questo darò vita a una raccolta di firme affinché la città di Messina gli riconosca una via. Quella Messina il cui sindaco ha destinato ben due edifici confiscati consegnandoli all’Arci Gay e quindi città illuminata e sensibile ai diritti” ha dichiarato Klaus Davi.

Le vittime Lgbt della violenza mafiosa sono state cancellate dall’anti mafia perché intrisa di cattocomunismo e ideologicamente incapace di accettare che la sola presunta diversità possa essere un motivo per morire. Le vittime gay di mafia sono decine ma non compaiono in nessuna lista, ignorate da tutti: familiari, inquirenti, Stato e anti Stato e Chiesa. Ora, ad una ad una, vorremmo fossero ricordate e commemorato” ha detto Klaus Davi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007