Viviana e Gioele, la famiglia insiste: "suicidio simulato" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Viviana e Gioele, la famiglia insiste: “suicidio simulato”

Alessandra Serio

Viviana e Gioele, la famiglia insiste: “suicidio simulato”

mercoledì 31 Marzo 2021 - 08:57
Viviana e Gioele, la famiglia insiste: “suicidio simulato”

Il dossier della famiglia che ricostruisce il giallo di Caronia e punta sulla messinscena. Viviana e Gioele sarebbero precipitati in un pozzo

Viviana e Gioele sono morti insieme, cadendo in un pozzo, in una cisterna, o vi sono stati lanciati. La caduta dal traliccio è stata una simulazione, inscenata spostando sotto il traliccio i corpi di mamma e figlio, per allontanare da sé le responsabilità.

La famiglia della dj di Venetico insiste e mette nero su bianco le proprie conclusioni in una relazione di 18 pagine, consegnata alla Procura di Patti con la richiesta di esaminare i resti dei corpi con le apparecchiature in 3D e prendere visione di tutti i documenti dell’inchiesta. La relazione è stata depositata dagli avvocati Claudio Mondello e Pietro Venuti, legali di Daniele Mondello, il marito di Viviana e papà di Gioele, ancora alla ricerca della verità sulla fine della sua famiglia.

“Non è dimostrata alcuna uccisione del piccolo Gioele da parte di Viviana, nessun suicidio e/o lancio dal famoso traliccio di Viviana” ma si tratta di una “combinazione criminale motivata e coinvolta”.

Così la relazione dei periti di parte, coordinati dal criminologo Carmelo Lavorino, che ricostruiscono quel che è accaduto così: madre e figlio sono morti insieme, per asfissia, dopo essere precipitati in un invaso con circa 50 cm d’acqua. Viviana è svenuta, si sono rotte due vertebre che le hanno tranciato il midollo spinale, probabilmente è morta nel giro di pochissimo tempo. Gioele ha battuto la testa, a sinistra.

Il corpo della madre è stato spostato la sera del 3 agosto, il figlioletto il giorno dopo, forse è rimasto in un contenitore di plastica qualche tempo poi adagiato vicino alla madre, sotto il traliccio, dove il corpo del bimbo è stato dilaniato dagli animali selvatici. Tutto questo è stato compiuto da un “soggetto ignoto” che trascinando il corpo di Viviana le ha strappato i capelli.

Gli esperti – lo psicologo Enrico Delli Compagni, Antonio della Valle, Antonio Carbone, Nicolina Palamone e Angelica Zenato, Gaetano Bonaventura, confermano come la Procura di Patti i segni di caduta dall’alto di Viviana – le fratture, i segni sul corpo e sui vestiti, ed evidenziano la colorazione rosa dei denti di mamma e figlio: segno dell’asfissia e dell’immersione in acqua. Ma non c’è traccia, secondo loro, dell’arrampicata sul traliccio di Viviana, così come non ci sono segni dell’uccisione del figlio da parte della mamma.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Nstwviva il duce 31 Marzo 2021 15:29

    Si di sicuro saranno stati gli extraterrestri, o dei sicari mandati da Putin in quanto la signora rappresentava un grave pericolo alla sua politica. Un inutile perdita di tempo a cercare un colpevole inesistente.

    1
    5
  2. pasquino da Messina 31 Marzo 2021 18:25

    La famiglia fa bene ad insistere.
    Una massa di incompetenti che non hanno saputo cercare, bastava usare il metodo degli indiani dal raggio più esterno verso l interno.

    3
    2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x