Coronavirus Messina. Il dramma nella casa di riposo: rinchiusi nel focolaio VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus Messina. Il dramma nella casa di riposo: rinchiusi nel focolaio VIDEO

Francesca Stornante

Coronavirus Messina. Il dramma nella casa di riposo: rinchiusi nel focolaio VIDEO

martedì 24 Marzo 2020 - 17:16

Dalla casa di riposo di via Primo Settembre un confronto tra sindaco, Asp e direttrice della struttura. Si cercano soluzioni ma prima di 48 ore non potrà uscire nessuno

Il sindaco De Luca alla casa di riposo Come d’Incanto. Nei balconi ad ascoltare gli operatori ormai disperati e allo stremo delle forze. Dieci ospiti positivi dovrebbero essere trasferiti al più presto all’ospedale di Barcellona, altri cinque al Policlinico di Messina.

Sul posto anche l’Asp che ha spiegato che domani mattina sarà fatto il tampone ad altre 45 persone ancora non testate. Sul posto anche la direttrice della struttura. Si è cercato di capire come organizzare il trasferimento di ospiti e operatori che già da giorni sono rinchiusi dentro la casa di riposo.

Il dato è che prima di 48 ore difficilmente qualcuno potrà lasciare la struttura, perché si dovrà attendere l’esito di tutti i tamponi, a parte per i pazienti per cui già è stato programmato il trasferimento negli ospedali.

#coronavirus #Messina. In diretta dalla casa di riposo IL DRAMMA DI OPERATORI E ANZIANI:NOI, RINCHIUSI DENTRO IL FOCOLAIO.

Publiée par Tempostretto.it – Quotidiano online di Messina e Reggio Calabria sur Mardi 24 mars 2020

VIDEO E FOTO DI LEONARDO ROMEO

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Una perplessità, ma perché è sindaco è IMMUNE??? La Mascherina e guanti… Qualcuno diceva:La disciplina deve cominciare dall’alto, se si vuole che sia rispettata in basso.

    1
    0
    1. Capisco la tua perplessità, ma per ora le critiche mettiamole da parte,perchè quello che veramente deve essere importante è riuscire a liberare tutte queste persone da un incubo orribile come quello che stanno vivendo e poter portare e cercare di curare per come si può,tutte quelle persone che si sono ammalate di coronavirus in strutture adeguate.

      0
      0
  2. Vi siete mai chiesti per quanti euro mensili questi ragazzi rischiano la vita?A Messina il 90%delle case di riposo facendo fare turni massacranti ti offre 500 euro al mese !!!!Spero (anche se statisticamente è una debole speranza)che qui la situazione sia diversa e che con un focolaio del genere la struttura andrebbe chiusa!Vedere il sindaco gridare a quelle persone che in ogni caso i vecchi devono essere assistiti mi fa incazzare !Vanno assistiti anche gli operatori che ormai psicologicamente sono distrutti ,terrorizzati ,hanno i loro cari a casa ,dov’è l’umanità dei messinesi?

    1
    0
  3. Il sindaco è il top!! Informati prima di scrivere..lo ha detto il motivo per il quale non fa tutto questo..ed è uno dei pochi..se non l’UNICO che si sta impegnando e lottando contro tutti..per il BENE DELLA CITTÀ..

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007