Ecco perché vogliamo il Comune Montemare: per essere protagonisti del nostro destino. VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ecco perché vogliamo il Comune Montemare: per essere protagonisti del nostro destino. VIDEO

Silvia De Domenico

Ecco perché vogliamo il Comune Montemare: per essere protagonisti del nostro destino. VIDEO

sabato 17 Ottobre 2020 - 08:14

“Vogliamo essere protagonisti del nostro destino, decidere noi per il nostro territorio”. Parla il Comitato comune Montemare Servizio di Rosaria Brancato e Silvia De Domenico

“Vogliamo essere protagonisti del nostro destino, decidere noi per il nostro territorio”. Per gli esponenti del Comitato Montemare lo stato decennale di abbandono da parte del comune è il punto di partenza e non certo d’arrivo. Il Referendum che si terrà il 13 dicembre è l’inizio di un percorso per diventare a tutti gli effetti CITTADINI, con quel che ne segue. Stiamo parlando dei diritti ai servizi che valgono per chi appunto paga le tasse. Finora invece sono stati cittadini di serie B. Pagano le tasse ma non hanno né servizi né politica di sviluppo. Il nostro viaggio tra i villaggi definiti secessionisti si conclude a Gesso, Salice e Castanea. Abbiamo voluto dare voce a chi ha avviato 10 anni fa questa battaglia per l’autodeterminazione. Attraverso le loro voci, attraverso le immagini vi facciamo vedere come si vive nei 3 villaggi e soprattutto come s’immagina un futuro diverso. Servizio di Rosaria Brancato e Silvia De Domenico

Articoli correlati

5 commenti

  1. Nstwviva il duce 17 Ottobre 2020 19:11

    Scissione voluta dai promotori per dare lavoro ad amici e parenti e naturalmente a loro stessi, un ente inutile, serve solo per sprecare soldi pubblici, vorrei vedere poi come questi incapaci daranno ai cittadini i trasporti pubblici, l’acqua, i rifiuti ed tanto altro.

    15
    2
  2. pochi cercano di fare bingo sulla sciatteria dei molti…e uccideranno definitivamente quei territori… ai posteri

    al max metteranno 4 cestini porta rifiuti a castanea..punto

    mobilità per raggiungere i servizi tutti extra territorio..ospedali scuole…rifiuti … costi enormi per 8mila residenti

    era meglio promuovere un raccordo con ll comune…invece la scelta ..proviamo a fare un bingo per pochi

    2
    0
  3. Pienamente d’accordo.

    2
    0
  4. Spiace che a Castanea non sia stato intervistato don Benedetto Cicero, anima del villaggio e storico rappresentante della Società Operaia.
    Lui sì che avrebbe potuto esprimere una opinione fattiva e reale.

    1
    0
  5. Nazionale, internazionale anzi mondiale…..che dico: locale!!! Se non ci fosse il problema serio dei 700.000 euro da spendere per la consultazione, c’è da ridere…., fanno tenerezza, c’è una grande dose di infantilismo difficile nelle dichiarazioni finora ascoltate e nel progetto…..chi dici? ..Il porticciolo….l’agroalimentare…..tutte idee……feconde (non so se capisci questa parola…) che nessuno a Messina anzi in Sicilia, anzi in Europa che dico in Europa. …a Villafranca……ha mai pensato……..e sopratutto se messe in atto salvano i Comuni, anzi le Regioni, gli Stati……che dico…..Musolino…. dal fallimento..”Quasi certamente”.

    2
    0

Rispondi a Saro Genco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x