Giostra, "visita guidata" tra i rifiuti. Laimo: “Questa è un’emergenza” VIDEO - Tempostretto

Giostra, “visita guidata” tra i rifiuti. Laimo: “Questa è un’emergenza” VIDEO

Matteo Arrigo

Giostra, “visita guidata” tra i rifiuti. Laimo: “Questa è un’emergenza” VIDEO

venerdì 15 Ottobre 2021 - 06:45

A Giostra si vive una vera e propria emergenza sanitaria e sociale: cumuli di rifiuti, discariche davanti agli ingressi delle abitazioni, odori nauseabondi, insetti.

Siamo stati al Rione Giostra a documentare la situazione di quella che è una vera e propria emergenza sanitaria e sociale, un fenomeno vergognoso in centro città. Cumuli di rifiuti, discariche davanti agli ingressi delle abitazioni, odori nauseabondi, insetti. Ad accompagnarci il consigliere della V^ Municipalità Franco Laimo: “Discariche ne nascono ogni notte, neanche il tempo di bonificare e siamo di nuovo di fronte a cumuli di spazzatura, nemmeno la video sorveglianza è servita a debellare il fenomeno. Bonificare una discarica costa alla città anche in termini di forza lavoro, gli operatori vengono sottratti ad altri compiti come lo spazzamento”.

Il consigliere analizza il fenomeno e le possibili soluzioni: “C’è una fetta di cittadini d’ irriducibili che probabilmente non sono in regola con la tari o non vogliono piegarsi alla logica della differenziata. Abbiamo richiesto l’utilizzo di forze in borghese che vigilino perché nessuno butti i rifiuti a terra, ma per risolvere il problema in maniera definitiva serve collaborazione fra le parti, bisogna convincere la gente che buttare la spazzatura per strada non è la soluzione”. “Non c’è rispetto per la propria città e il proprio territorio” conclude con amarezza Laimo “e visto quanto succede nemmeno della propria vita”.

Articoli correlati

Tag:

7 commenti

  1. L’approccio alla differenziata in certe zone sarebbe dovuto essere molto diverso. Più lento, più permissivo, non perché sia giusto così in assoluto, ma perché è inevitabile.
    La presunzione di imporre regole giuste laddove non è possibile farle rispettare, incuranti delle conseguenze, non è un segno di intelligenza ma solo di presunzione e fretta.
    Vi sono terreni già pronti alla coltivazione ed altri che prima vanno bonificati e resi mediamente fertili. E questo giusto o sbagliato che sia, che ci piaccia o no è la realtà dei fatti, una realtà dalla quale come possiamo ben vedere non si sfugge.

    2
    8
    1. Quindi chi non rispetta le regole va capito ???!!!!Invece chi le rispetta deve essere preciso e ligio al dovere??!!Le regole sono uguali per tutti!!!!!
      Chi sporca la città è una persona da punire severamente.

      8
      0
    2. …ma piantala da dove tiri fuori queste teorie ma dove vuoi arrampicarti?…ora magari per convincerli e persuaderli gli diamo un bel posto di lavoro o che so una bella rendita vitalizia….. NON MERITANO NULLA SOLO EMARGINAZIONE.

      1
      0
      1. Le mie teorie vengono tirate fuori dalla osservazione dei fatti.
        Se non vede che le cose così come sono state pensate non funzionano non è colpa mia ma sua che si ostina ad ignorarne i risultati.
        Essere pragmatici non significa essere stupidi, mentre perseverare in certi atteggiamenti inconcludenti di certo è segno di altro.

        0
        1
        1. …di certo non sono io ad ignorare i risultati ma lei che si ostina ancora a scrivere che i modi e le azioni prettamente repressive e dure non portano a nulla, e mi accorgo che lei come tanti altri criticano gli eventuali metodi estremi che si vogliono attuare ma che grazie a persone piene di soluzioni inconcludenti e “benevole” ancora mettono il bastone fra le ruote.
          Sarò estremo ma tant’è.

          1
          0
  2. …ohh si carezze, baci, effusioni e magari che so…distribuzioni di buoni benzina e buoni spesa… o magari qualche assunzione mirata in bei posti a…sedere…ma mi faccia il piacere….che teoria sarebbe?

    1
    0
  3. Qui il problema si risolve in un solo modo: il presidio costnte del territorio con un corpo speciale di agenti che controllano i quartieri più a rischio. Invece di stare negli uffici a riscaldare le sedie le autorità preposte dovrebbero predisporre un servizio permanente di controllo e di vigilanza in queste zone. Solo così si può arginare questo schifo! Il problema è dunque fare scendere gli agenti nelle strade perchè le telecamere vengono aggirate! Il servizio dovrebbe ssere fatto anche di notte! Certamente questo comporterebbe uno stravolgimento per molti vigili, ma è l’unica soluzione che può convincere questi porci a rispettare le regole! Se non verrà adottato un sistema del genere il problema dei rifiuti nelle strade a Messina non si risolverà mai!

    1
    0

Rispondi a Arcistufo2.0 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007