Il paziente dove lo metto, "al pronto soccorso senza medici e posti letto" VIDEO - Tempostretto

Il paziente dove lo metto, “al pronto soccorso senza medici e posti letto” VIDEO

Marco Olivieri

Il paziente dove lo metto, “al pronto soccorso senza medici e posti letto” VIDEO

Tag:

martedì 17 Gennaio 2023 - 08:00

Lo dichiara Clemente Giuffrida, che dirige la medicina d'urgenza all'Irccs Centro Neurolesi “Bonino-Pulejo” di Messina

di Marco Olivieri, riprese e montaggio di Matteo Arrigo

MESSINA – “La carenza di posti letto da assegnare e la mancanza di personale medico sono le nostre due emergenze”. Clemente Giuffrida dirige Pronto soccorso, Obi (Osservazione breve intensiva) e Medicina d’urgenza all’Irccs Centro Neurolesi “Bonino-Pulejo” di Messina e non nasconde i problemi quotidiani. Spiega il primario: “In Italia si è deciso di definire circa il 3 per cento di posti letto per mille pazienti. In Europa la percentuale è del 5 per cento. Sono scelte dettate da un’intenzione di razionalizzare (tagliando le spese, n.d.r.) ma così si è creato il problema: non si sa dove collocare i pazienti, una volta arrivati al pronto soccorso”.

Pronto soccorso “Piemonte”

Mette in risalto Giuffrida, intervistato nei locali storici del “Piemonte”: “Mancano in Italia cinquemila medici di pronto soccorso e pochi posti vengono indirizzati alla medicina d’urgenza. Da qui la difficoltà a gestire le situazioni d’emergenza. Turni che si sovrappongono e pochi riposi: ecco la vita dei medici di pronto soccorso. ll tutto senza una gratificazione economica che compensi i sacrifici che facciamo. In più, mancando personale medico, chi lavora deve sostituire gli assenti e allora assisitiamo a un ciclo continuo, senza pause. A Messina? Nell’ultimo concorso, per medicina d’urgenza, si è presentato un solo medico. In questo momento, mi mancano sei medici al pronto soccorso dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico”.

A rendere scomodo il ruolo dei medici di pronto soccorso è il rapporto con pazienti e familiari in occasione delle urgenze. Precisa Giuffrida: “Si tratta di un ruolo votato al conflitto. Dover fronteggiare situazioni critiche comporta un forte stress nella gestione dei parenti dei pazienti. E i pronti soccorsi si sono trasformati in luoghi di diagnosi e cura (con tutta la provvisorietà di una soluzione che dovrebbe essere momentanea, con i pazienti in barella, nd.r.), dato che non ci sono posti letti sufficienti”.

Articoli correlati

2 commenti

  1. Si è appena liberato un posto alla clinica Maddalena a Palermo!

    2
    3
  2. Visto che in Italia c’è questa carenza di medici , come mai, ogni anno a Settembre chi vuole iscriversi alla facoltà di Medicina deve fare e superare dei quiz in quanto c’è il numero chiuso ?
    C’è qualcuno che vuole spiegare il perché?

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007