“La Scampia di Messina”. 39 arresti per traffico di droga a Giostra. VIDEO Nomi Foto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“La Scampia di Messina”. 39 arresti per traffico di droga a Giostra. VIDEO Nomi Foto

Marco Ipsale

“La Scampia di Messina”. 39 arresti per traffico di droga a Giostra. VIDEO Nomi Foto

martedì 04 Maggio 2021 - 08:48

Così definisce il collaboratore di giustizia, Giuseppe Minardi, la "centrale dello spaccio" di via Seminario Estivo

di Marco Ipsale e Alessandra Serio

39 arresti, di cui 26 in carcere e 13 ai domiciliari, e 13 misure di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 350 agenti di polizia impegnati stanotte per l’operazione “Market Place” condotta dalla Squadra Mobile, ai comandi del vice questore Antonino Sfameni, che ha scoperto “un’ampia e pericolosissima compagine delinquenziale, formata da più cellule, dedita al traffico di sostanze stupefacenti a Giostra”.

L’agguato a Gaetano e Paolo Arrigo

Sparatoria a Giostra agguato Arrigo
Sparatoria a Giostra agguato Arrigo

L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Messina, nasce dall’agguato a Gaetano e Paolo Arrigo, padre e figlio, il 25 gennaio 2017. I due erano in viale Giostra ed erano stati bersaglio di qualcuno che, a bordo di un motorino, aveva sparato colpi di fucile ed era scappato, ferendoli alle gambe.

Gaetano Barbera
Gaetano Barbera
Angelo Arrigo
Angelo Arrigo

Tre giorni dopo veniva incendiata l’auto di Paolo Arrigo. Già nel settembre 2016 un altro componente della famiglia Arrigo aveva subìto un attentato simile e, in un’altra occasione, dentro un bar, venivano esplosi colpi d’arma da fuoco verso persone lì riunite, che avevano precedenti di polizia.

Tutto nella zona di Giostra. Si è così capito che lì ruotavano interessi di più cellule criminali che, armi alla mano, si stavano affrontando per avere la supremazia sul territorio e assicurarsi i guadagni del traffico di droga.

La “centrale dello spaccio” in via Seminario Estivo

Cocaina, marijuana, hashish, skunk. Con intercettazioni telefoniche e ambientali, immagini di videosorveglianza e servizi dinamici, la Squadra Mobile ha scoperto una “centrale dello spaccio” gestita dentro il comprensorio edilizio di via Seminario Estivo, dove risiede la famiglia allargata degli Arrigo. “La Scampia di Messina”, così la definisce il collaboratore di giustizia Giuseppe Minardi.

Girolamo Stracuzzi
Girolamo Stracuzzi

Tanti “punti vendita” nelle case delle palazzine del complesso, gestiti dagli associati, usati sia per la vendita al dettaglio sia per la distribuzione ai pusher, anch’essi clienti.

In ogni casa gestita da uno dei sodali, la collaborazione delle famiglie allargate consentiva l’attività giorno e notte.

Videosorveglianza, vedette e “passaparola”

Paolo Arrigo
Paolo Arrigo

Una “roccaforte”, munita di videosorveglianza per controllare gli accessi e, tramite schermi in casa, l’eventuale presenza delle forze dell’ordine. Per evitare presenze indesiderate, anche le vedette e il “passaparola” tra i condòmini e i clienti.

C’era poi un’ampia rete di fornitori, per garantire il costante flusso di varie droghe e far fronte alla forte domanda d’acquisto.

Sequestri per un valore di 300mila euro

La Squadra Mobile ha ricostruito i patrimoni di alcuni degli indagati e delle loro famiglie. I beni posseduti e le loro capacità economiche non avevano proporzione rispetto ai redditi annuali. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Messina ha disposto anche il sequestro di beni mobili (auto e moto), immobili (case, garage e cantine) e denaro in conti correnti per un valore complessivo di oltre 300mila euro.

Gli arrestati in carcere

Gli arrestati ai domiciliari

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x