Mafia barcellonese. 4 arresti per 4 omicidi tra il 1997 e il 2001. NOMI e VIDEO - Tempostretto

Mafia barcellonese. 4 arresti per 4 omicidi tra il 1997 e il 2001. NOMI e VIDEO

Marco Ipsale

Mafia barcellonese. 4 arresti per 4 omicidi tra il 1997 e il 2001. NOMI e VIDEO

mercoledì 30 Gennaio 2019 - 11:57

Gli omicidi di Giovanni Catalfamo e Domenico Tramontana erano già stati trattati in Gotha 6, quelli di Santino Bonomo e Stefano Oteri erano irrisolti

MESSINA – Due omicidi già trattati nell’operazione Gotha 6, due che erano irrisolti. Si è arrivati alla soluzione grazie al contributo di diversi collaboratori di giustizia, in particolare quello di Aurelio Micale, che ha iniziato l’attività criminale tra il 1984 e il 1985, con estorsioni e furti, per poi passare agli omicidi. Per anni ha fatto parte del gruppo di Carmelo D’Amico ma, dal luglio scorso, ha deciso di collaborare.

Nasce da qui l’operazione Nemesi, che ha portato alla custodia cautelare in carcere per quattro persone, tre delle quali (Giovanni Rao, Antonino Calderone e Sebastiano Puliafito) in carcere c’erano già, mentre Salvatore Micale era libero.

Sono membri della famiglia mafiosa barcellonese, l’espressione più rappresentativa e militarmente organizzata della mafia in provincia di Messina, tanto da vantare rapporti privilegiati con cosa nostra palermitana e catanese.

I carabinieri del Ros, Raggruppamento operativo speciale, hanno ricostruito i moventi di quattro omicidi commessi tra il 1997 e il 2001 e identificato gli autori, per i quali hanno eseguito l’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Messina, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia. L’accusa per i quattro è di concorso in omicidio, aggravato dal metodo mafioso.

I due omicidi già trattati in Gotha 6 sono quelli di Giovanni Catalfamo e Domenico Tramontana. Le nuove investigazioni hanno permesso di attribuirli anche ad altri indiziati.

  1. l’omicidio di Giovanni Catalfamo, commesso a il 29 settembre 1998, viene contestato a Salvatore Micale, in concorso con altre persone già giudicate per lo stesso fatto. Catalfamo venne ucciso a colpi d’arma da fuoco, da killer giunti a bordo di una moto rubata, mentre tentava di rifugiarsi nel condominio in cui abitava. Catalfamo sarebbe stato ucciso perché faceva l’usuraio, in concorrenza con la mafia barcellonese. Micale avrebbe avuto il compito di segnalare il passaggio della vittima per dare il via all’omicidio.
  2. l’omicidio di Domenico Tramontana, commesso il 4 giugno 2001 a Barcellona. Nel procedimento Gotha 6 il giudice aveva rigettato la richiesta di misura cautelare nei confronti di Giovanni Rao, esponente di vertice del sodalizio mafioso barcellonese. Ora invece gli viene contestato di essere il mandante. Un omicidio che assunse una particolare valenza perché Tramontana faceva parte del direttivo dell’organizzazione mafiosa barcellonese ma pretendeva di espandere eccessivamente i propri profitti, per questo i vertici del sodalizio avrebbero deciso di eliminarlo.

Gli altri due omicidi, invece, erano ancora senza colpevoli:

  • l’omicidio di Santino Bonomo, scomparso da Barcellona il 12 dicembre 1997 con il metodo della “lupara bianca”, contestato ad Antonino Calderone, in concorso con altri.Bonomo sarebbe stato ucciso, per decisione dell’allora vertice della famiglia barcellonese, poiché commetteva furti senza la preventiva autorizzazione del clan, mettendo in crisi il tradizionale controllo del territorio da parte dell’organizzazione mafiosa. La vittima sarebbe stata attirata in un’area isolata alla periferia di Barcellona con il pretesto di compiere alcuni furti e qui uccisa a colpi d’arma da fuoco. Gli autori avrebbero, poi, nascosto il cadavere, che non è stato mai ritrovato;
  • l’omicidio di Stefano Oteri, ucciso a colpi d’arma da fuoco la sera del 27 giugno 1998, davanti alla casa della sorella, a Milazzo, da killer giunti a bordo di una moto. Il delitto viene contestato a Sebastiano Puliafito, ex agente della Polizia Penitenziaria. Secondo la ricostruzione dei collaboratori, il movente sarebbe da attribuire al comportamento di Oteri che si sarebbe “atteggiato a boss” nella zona di Milazzo, entrando in contrasto con Puliafito che avrebbe rappresentato, in quella zona, il gruppo criminale barcellonese.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007