Messina, sulla SS114 è "difficile" attraversare: niente strisce e quel sottopassaggio... VIDEO - Tempostretto

Messina, sulla SS114 è “difficile” attraversare: niente strisce e quel sottopassaggio… VIDEO

Giuseppe Fontana

Messina, sulla SS114 è “difficile” attraversare: niente strisce e quel sottopassaggio… VIDEO

martedì 16 Novembre 2021 - 06:50

Tante segnalazioni per l'assenza di un semaforo pedonale e per le condizioni del vecchio passaggio sotterraneo: un pericolo per bambini e anziani

Di Giuseppe Fontana e Matteo Arrigo

MESSINA – Attraversare la strada statale 114 comincia a essere complicato. Sono arrivate parecchie segnalazioni da parte di cittadini che lamentano un problema sulla carta “banale” ma in grado di diventare letale. A Tremestieri, all’altezza del bivio per Larderia, soprattutto per le persone anziane sta diventando davvero un momento critico l’attraversamento da una sponda all’altra, per raggiungere il paese, la farmacia, la pasticceria o il supermercato. È sparito ormai da tempo il semaforo pedonale che regolava l’attraversamento a piedi e con lui le strisce pedonali, prima presenti all’incrocio. Ci si regola attraverso le macchine: il rosso sulla strada principale vuol dire “vai” per chi cammina.

SS114, il sottopassaggio in condizioni pessime

Teoricamente, ma sottolineiamo che soltanto in teoria, si potrebbe utilizzare un sottopassaggio che crediamo non sia mai stato utilizzato da anima viva. Dopo una pulizia arrivata anni fa, questo versa in condizioni agghiaccianti. Non solo piante, ma una vera discarica, che parte già dalle scale tanto a valle quanto a monte, peggiorando via via che ci si avventura e bloccando l’accesso se non ai più temerari. Senza contare il fango, perché si allaga dopo ogni pioggia. Ma anche fosse utilizzabile, ci sarebbe il problema di come uscire lato monte. Il sottopassaggio “sbuca” all’interno di un’aiuola interamente circondata dal guard rail. Immaginate un vecchietto a scavalcare?

SS114, il “rischio” di attraversare sulle strisce

L’unico modo per attraversare, quindi, sarebbero le strisce poste a una 50 di metri dal semaforo stesso, ma lì il problema diventa un altro. La velocità dei mezzi crea un grande pericolo a quelle persone che attraversano con un’andatura lenta o regolare. Parliamo di anziani, ma anche genitori con bambini che si dirigono alle vicine scuole materne o elementari. In pratica conviene correre per non rischiare di essere centrati dai mezzi. Allora l’appello lo lanciamo ai cittadini: andate pieno, aprite gli occhi, e che siate a piedi o alla guida, guardate bene da ogni parte. Semafori reali (o fantasma) compresi.

Tag:

2 commenti

  1. Cucinotta Giacomo 16 Novembre 2021 10:23

    Questo articolo è molto utile e mostra una realtà molto diffusa nella nostra città ed anche in tante altre. Tuttavia penso che servirebbe veramente una denuncia presso la Procura della Repubblica, precisa e circostanziata, per punire severamente i responsabili, quelli veri: Il proprietario della strada, i responsabili della manutenzione, il gestore della Sicurezza, gli addetti al controllo e andando per ordine fino all’ultimo responsabile. I TRASGRESSORI DOVREBBERO ESSERE PUNITI SEMPRE ! Perché e un dovere morale di ogni cittadino e la cosa deve servire da esempio per dissuadere da future trasgressioni.
    In quest’azione occorrerebbe coinvolgere tutta la cittadinanza e fare la necessaria pubblicità per non farla insabbiare come succede solitamente. Tutto il resto è BLA, BLA BLA.

    2
    0
  2. ENNESIMO OTTIMO ARTICOLO E VIDEO a servizio dei CITTADINI….. percorro quasi tutte le mattine la strada statale 114 e devo dire che trovo difficoltà anche io a percorrere questo tratto ….in certi punti pure dove c è il marciapiede diventa impraticabile per l’INCURIA tanto è che molto tempo fa ho inviato foto pure io ,ma in tutta ONESTA’ disconoscevo questo sottopassaggio 😳 MOLTO UTILE se fosse fruibile ……un VERO PECCATO che si perdano le COMODITÀ a discapito di OSCENITÀ 😱🤢😡👏👏👏👏👏👏👏ai cronisti del servizio !

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007