Reggio Calabria, aereoporto in pericolo, nessun biglietto in vendita

Reggio Calabria, in pericolo il futuro dell’aeroporto già non in vendita i biglietti| VIDEO

Simone Pizzi

Reggio Calabria, in pericolo il futuro dell’aeroporto già non in vendita i biglietti| VIDEO

domenica 22 Marzo 2020 - 10:10

Reggio Calabria, nessuna possibilità di comprare biglietti per l'aeroporto dello stretto, arriva anche una nota dei sindacati

Reggio Calabria, 22 marzo – La UILTRASPORTI Calabria si interroga sul futuro dello Scalo. Seppur consapevole del momento storico che sta vivendo, non solo il Paese, bensì il resto del mondo, per via dell’emergenza sanitaria che assolutamente è al primo posto delle problematiche da affrontare, il segretario regionale della UILT Calabria, Luciano Amodeo, manifesta grande preoccupazione per l’imminente futuro legato all’Aeroporto di Reggio Calabria. Infatti, la chiusura dettata dall’emergenza Coronavirus non ha fatto altro che isolare ulteriormente il territorio (relativamente alle emergenze che potrebbero sorgere) senza avere chiare prospettive per il futuro.

Tra le ultime novità, sembrerebbe che l’offerta commerciale di Alitalia, programmata per la summer e la winter 2020, non preveda collegamenti con lo scalo dell’area metropolitana. Eppure, il recente interesse dello Stato rivolto al rilancio della compagnia non giustificherebbe ancor di più il disimpegno verso le aree più disagiate del territorio nazionale, dovendone garantire il diritto alla mobilità.

Futuro dei dipendenti in pericolo

Non si conosce quindi il futuro drgli oltre 40 dipendenti di Alitalia in forza presso l’Aeroporto di Reggio Calabria. Recentemente alcuni attori della politica, hanno sostenuto corposamente che sarebbe stato giusto chiudere in un momento di emergenza sanitaria anche l’infrastruttura reggina, garantendone la riapertura e la normale e progressiva ripresa dell’esercizio, alla stessa stregua di tutti gli altri aeroporti che sarebbero stati chiusi per la medesima motivazione. La realtà dei fatti apparirebbe descrivere uno scenario differente, vedendo ancora una volta discriminare l’area metropolitana. Basti pensare al ripristino dei collegamenti aerei già programmati da Alitalia, da e verso aeroporti certamente meno disagiati, sia per la propria posizione geografica che per collegamenti esistenti ed operati da altri vettori, a garanzia della mobilità delle persone e delle merci. Di fronte a quella che doveva essere la data di start up relativa al rilancio delle attività sullo scalo, ancora ad oggi non si hanno notizie ufficiali, e non si capisce per quale motivo tale incertezza abbia discriminato solo l’Aeroporto di Reggio, mentre per altri (attualmente chiusi per emergenza sanitaria) si sia già riusciti a prevedere il ripristino dell’offerta commerciale. C’é forse una strategia non ufficiale? L’unica certezza è lo stato di precarietà ulteriore nel quale si è venuto a trovare il personale operante presso la struttura reggina.

Non si conoscono le misure per tutelare i dipendenti

In particolar modo non si conosce ancora quali misure verranno adottate nei confronti del personale della SACAL, in alcuni casi invitato a non recarsi a lavoro seppur privo di giorni di ferie da poter fruire. Ed intanto tarda il confronto necessario per l’eventuale attivazione degli ammortizzatori previsti, e già preannunciati invece per i lavoratori di AVIAPARTNER operanti a Reggio Calabria. La UILT Calabria, a seguito di alcune note ufficiali prodotte nei giorni scorsi, e rivolte alla Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, nonché all’ENAC ed al Prefetto di Reggio Calabria, rivolge un nuovo appello alle istituzioni, affinché si facciano carico delle promesse recenti, secondo le quali anche l’Aeroporto di Reggio Calabria avrebbe dovuto riprendere una progressiva e normale attività, relativamente al ripristino dell’emergenza sanitaria, che ancora ad oggi non consente certamente di fare previsioni di lunga gittata. Per concludere, Luciano Amodeo afferma che, è ben chiaro che la crisi non stia risparmiando nessun’azienda. Tuttavia, il tentativo condotto dalla sua stessa sigla sindacale è quello di far tener ben presente che il momento che segnerà la ripartenza del Paese non potrà certamente escludere i piani d’azione necessari, che dovranno essere rivolti anche nei confronti dell’importantissima realtà rappresentata dalla città metropolitana. Amodeo si rivolge quindi al neo Presidente della Regione Calabria, affinché l’Aeroporto dello Stretto possa essere immediatamente ripristinato, per tutte le esigenze indotte dal dover garantire i servizi essenziali. Tale attività, naturalmente, dovrà essere effettuata secondo le misure di dettate dai recenti protocolli, utili a garantire la sicurezza per la salute di tutti i lavoratori.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007