Risanamento a Messina. È iniziata la demolizione delle Case D’Arrigo. VIDEO, FOTO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Risanamento a Messina. È iniziata la demolizione delle Case D’Arrigo. VIDEO, FOTO

Marco Ipsale

Risanamento a Messina. È iniziata la demolizione delle Case D’Arrigo. VIDEO, FOTO

lunedì 27 Gennaio 2020 - 12:12

Colpi di ruspa sulle baracche che ostruiscono il passaggio tra via Salandra e via Maregrosso. Lì passerà la nuova via don Blasco

MESSINA – E’ l’essenza del risanamento: consegnare nuove case popolari a chi vive in baracca e, subito dopo, demolire le vecchie costruzioni. Troppe volte, in passato, non è accaduto, tanto che le baracche sono state rioccupate, creando un circolo vizioso che non farebbe finire mai l’operazione risanamento.

Stavolta, invece, tutto in regola: lo scorso 27 dicembre la consegna per 32 famiglie; oggi, dopo un mese esatto, il tempo necessario ai traslochi, via alla demolizione delle Case D’Arrigo. Un’operazione accelerata anche dal fatto che qui dovrà passare la nuova via don Blasco e, fino ad oggi, quelle vecchie case sono state un muro per il collegamento tra via Salandra e via Maregrosso.

Altra storia, ad esempio, rispetto a Camaro Sottomontagna (nuove case consegnate il 15 dicembre 2018) e Annunziata Matteotti (23 febbraio 2019): le baracche liberate sono ancora in piedi, con i rischi che ne conseguono. Il motivo? Ci sono ancora ben 77 baracche abitate a Camaro e 14 all’Annunziata. Demolire quelle liberate potrebbe creare danni e disagi a chi in quella zona ci vive ancora.

Ecco perché è urgente acquistare altre case, del resto i soldi ci sono, dare una nuova casa popolare anche a quelle famiglie e riqualificare intere zone. La speranza è che tutto possa avvenire a breve ma, nel frattempo, Arisme e l’amministrazione comunale si godono una giornata importante, i primi colpi di ruspa su una vergogna cittadina, che sarà del tutto cancellata nei prossimi giorni.

All’avvio dei lavori c’erano anche Giorgio Martini e Riccardo Monaco, dirigenti responsabili dell’Autorità di Gestione del Pon Metro, i cui fondi sono stati usati per l’acquisto delle case. “Un modello virtuoso di corretta spesa dei fondi strutturali – dice l’assessora Carlotta Previti -, orientati a risolvere problemi reali e concreti per lo sviluppo inclusivo di un territorio”.

(Marco Ipsale)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007