Scuole, studenti del liceo: "Voglia di tornare in aula, ma in sicurezza". VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Scuole, studenti del liceo: “Voglia di tornare in aula, ma in sicurezza”. VIDEO

Silvia De Domenico

Scuole, studenti del liceo: “Voglia di tornare in aula, ma in sicurezza”. VIDEO

venerdì 29 Gennaio 2021 - 14:03

"Si parla spesso di noi, ma mai con noi". Ecco cosa pensano del rientro a scuola i rappresentanti di alcuni licei cittadini. Servizio di Silvia De Domenico

Si è conclusa la settimana di screening dedicata alla popolazione scolastica messinese. Ma, come era già successo con la campagna di novembre, si è registrata una partecipazione piuttosto bassa. Le adesioni al test gratuito all’ex Gasometro hanno toccato quota 8.000, circa un 10% rispetto alla stima dell’intera comunità (fra studenti, docenti, personale Ata e famiglie). Ecco come commentano questo dato i rappresentanti degli studenti di alcuni licei cittadini.

Abbiamo intervistato a distanza Gaia Franchina e Francesca Pellico (rappresentanti d’Istituto del Liceo Classico “G. La Farina”), Aurelio Bringheli (rappresentante d’Istituto del Liceo Scientifico “Archimede) e Christiana Aloisi (rappresentante d’Istituto del Liceo Artistico “E. Basile). Tutti loro e i colleghi rappresentanti delle altre scuole hanno fatto più appelli ai compagni per invitarli a partecipare allo screening di massa.

In 6 giorni di test sono emersi 25 casi di positività su 8.181 tamponi effettuati. Uno 0,3% che conforta gli studenti in vista dell’apertura delle scuole ma, secondo loro, non basta per parlare di “rientro in sicurezza”. “Dopo un anno di DAD abbiamo tutti una gran voglia di tornare fra i banchi e rivedere compagni e professori. A scuola ci sentiamo sicuri, i nostri dubbi riguardano quello che vi ruota attorno. Dai trasporti allo spostamento di persone”. E continuano: “La paura non può bloccare le nostre vite, dobbiamo imparare a convivere col virus e rispettare le regole”.

Servizio di Silvia De Domenico

Tag:

2 commenti

  1. In tempi normali, la scuola era sciopero ed occupazioni. Ora hanno tutti voglia di stare in classe. Il genio represso puo’ attendere, se il rischio e’ intasare gli ospedali. Il problema serio e’ la didattica a casa delle scuole elementari: i bimbi sono meno gestibili. La socialita’ degli studenti, il cui vero dramma e’ la mancanza del cazzeggio, si recupera. I morti non recuperano nulla.

    10
    5
  2. Più che la scuola in presenza, quello che vogliono è ciò che c’è fuori in presenza, sai quanto gli importa di andare in classe ma davanti alla scuola ci tengono ad esserci.

    9
    3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x