Aggressione a ispettore di Taormina, oggi Riesame per Cacopardo - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Aggressione a ispettore di Taormina, oggi Riesame per Cacopardo

Alessandra Serio

Aggressione a ispettore di Taormina, oggi Riesame per Cacopardo

martedì 21 Gennaio 2020 - 07:30
Aggressione a ispettore di Taormina, oggi Riesame per Cacopardo

Si chiede la liberazione del commerciante di Giardini Naxos protagonista di un'animata discussione col vigile urbano di Taormina

Le conseguenze riportate dalla vittima sono state ridimensionate, gli atti hanno rivelato che non c’era nessuna “arma” né alcuna aggressione, ma la legittima difesa di una persona ad un atteggiamento improprio di un pubblico ufficiale.

Sono queste le ragioni che l’avvocato Antonio Bongiorno sosterrà oggi davanti ai giudici del Tribunale del Riesame, chiedendo la scarcerazione di Francesco Giacoppo, il commerciante 37enne  accusato di aver ferito l’ispettore di Polizia Muncipale di Taormina Giuseppe Cacopardo.

Il legale solleciterà ai giudici della Libertà la scarcerazione del ristoratore di Giardini Naxos, ancora in cella a Termini Imerese dall’ottobre 2018, quando venne arrestato dai Carabinieri. Giacoppo è stato condannato in primo grado a cinque anni e 2 mesi e, in attesa del processo d’appello, il difensore vorrebbe ottenere la liberazione, o almeno gli arresti domiciliari.

In primo grado è arrivata una condanna – spiega l’avvocato Bongiorno, ma il mio cliente ha sempre detto chiaramente che si è trattato di legittima difesa, e nel corso del dibattimento sono emersi tanti elementi che ridimensionano molto l’accusa. L’ispettore della Municipale è arrivato e si è allontanato dal locale con la propria auto, era in borghese, nell’immediato è stato refertato con “soli” 10 giorni, e il mio cliente non aveva certo alcun coltello in mano ma un cavatappi”, spiega Bongiorno, che spera “che il Collegio della Libertà questa volta valuti con più equanimità tutti questi elementi”.

L’episodio risale al maggio 2018 ed è avvenuto proprio nel locale di Giacoppo, che il giorno dopo l’animata discussione al tavolo con l’ispettore della Municipale si era rivolto ai Carabinieri, denunciando di essere stato aggredito.

Ma cinque mesi dopo i Carabinieri hanno arrestato proprio lui per lesioni e minacce a pubblico ufficiale. I militari hanno ricostruito l’episodio imputando il ferimento dell’ispettore con un coltello ad un fatto avvenuto qualche mese prima: Giacoppo aveva richiesto il risarcimento per un sinistro stradale, ma Cacopardo aveva bloccato il risarcimento, stendendo una relazione di servizio che negava danni all’auto del ristoratore.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007