Pirrone replica alla Filt Cgil: “Concordo che c’è ancora da fare ma va detta la verità” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Pirrone replica alla Filt Cgil: “Concordo che c’è ancora da fare ma va detta la verità”

Ma. Ip.

Pirrone replica alla Filt Cgil: “Concordo che c’è ancora da fare ma va detta la verità”

Ma. Ip. |
venerdì 17 Luglio 2015 - 22:03
Pirrone replica alla Filt Cgil: “Concordo che c’è ancora da fare ma va detta la verità”

Il direttore generale del Consorzio Autostrade Siciliane risponde al sindacato che, nei giorni scorsi, aveva lanciato precise accuse, criticando la politica degli annunci ma dei cantieri non avviati

“Era meglio se la sentenza definitiva fosse già arrivata, anziché rinviata a settembre, ma noi stiamo comunque andando avanti”. Il primo riferimento da parte del direttore generale del Consorzio Autostrade Siciliane, Salvatore Pirrone, è al viadotto Ritiro, per il quale si attende ancora l’ultimo passaggio burocratico, vale a dire l’approvazione del progetto esecutivo presentato dalla Toto Costruzioni Generali lo scorso 10 giugno. I lavori non inizieranno comunque prima della fine di settembre, perché è attesa la sentenza definitiva del Consiglio di Giustizia Amministrativa sul ricorso avanzato dalla Sicurbau, l’impresa seconda classificata.

Pirrone vuole replicare alla nota della Filt Cgil che, nei giorni scorsi, aveva lanciato precise accuse, criticando la politica degli annunci ma dei cantieri non avviati (VEDI QUI): “Mercoledì abbiamo consegnato i lavori della galleria Tindari – afferma – mentre il 29 luglio sarà la volta della galleria Capo d’Orlando. Ed altri lavori sono in corso, altro che non avviati. Stiamo rifacendo i giunti della tratta Barcellona – Buonfornello e stiamo intervenendo anche sulla pavimentazione. Si lavora, poi, al necessario ripristino degli impianti nelle gallerie ed alla manutenzione ordinaria di quelle che manteniamo in efficienza. Concordo che c’è ancora da fare ma va detta la verità. La maggior parte dei lavoratori dà il proprio contributo e insieme stiamo operando per superare le criticità della fase estiva. Ma bisogna anche considerare che senza i comandati e quelli in mobilità non saremo in grado di gestire il Consorzio”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. letterio.colloca 18 Luglio 2015 14:03

    E se ne accorge SOLO ora che senza la PROFESSIONALITA’ dei “comandati” non vanno da nessuna parte e faranno NIENTE perché perpetuerebbero quant?hanno “fatto” sinora:NULLA!neanche la ordinaria manutenzione tant’é che TROPPE vite sono state spente per incapacità e negligenze a tutti livelli.Essenziale é INTASCARE IL LAUTO STIPENDIO e preoccuparsi di farsene riconoscere altro, a qualunque titolo! ED intanto le persone che non trovano la morte in autostrada,certamente SUBISCONO le angherie sia del pagamento di un pedaggio-estorsione che di inaccettabili/inconcepibili “restringimento per le INADEGUATEZZE di chi ha la PRESUNZIONE DI VOLER DIRIGERE (visti i risultati della REALTA’!!!!).Recuperate un MINIMO di CREDIBILITA’,ne va del vs decoro.

    0
    0
  2. letterio.colloca 18 Luglio 2015 14:03

    E se ne accorge SOLO ora che senza la PROFESSIONALITA’ dei “comandati” non vanno da nessuna parte e faranno NIENTE perché perpetuerebbero quant?hanno “fatto” sinora:NULLA!neanche la ordinaria manutenzione tant’é che TROPPE vite sono state spente per incapacità e negligenze a tutti livelli.Essenziale é INTASCARE IL LAUTO STIPENDIO e preoccuparsi di farsene riconoscere altro, a qualunque titolo! ED intanto le persone che non trovano la morte in autostrada,certamente SUBISCONO le angherie sia del pagamento di un pedaggio-estorsione che di inaccettabili/inconcepibili “restringimento per le INADEGUATEZZE di chi ha la PRESUNZIONE DI VOLER DIRIGERE (visti i risultati della REALTA’!!!!).Recuperate un MINIMO di CREDIBILITA’,ne va del vs decoro.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x