Banda dei furti in casa e spaccio di stupefacenti: 3 arresti e sei indagati - Tempostretto

Banda dei furti in casa e spaccio di stupefacenti: 3 arresti e sei indagati

Redazione

Banda dei furti in casa e spaccio di stupefacenti: 3 arresti e sei indagati

domenica 13 Novembre 2022 - 15:40

L'indagine dei carabinieri di Taormina: 50mila euro il bottino a casa di un'anziana. Il punto di partenza un incidente stradale mortale nel 2020

TAORMINA – Sgominata una banda specializzata in furti in casa e spaccio di stupefacenti. Tre arresti e sei indagati il bilancio. Tra i furti, quello subito da un’anziana, con un bottino di 50mila euro. L’indagine ha avuto inizio in occasione di un incidente stradale mortale a Giardini Naxos nel 2020. Da lì l’avvio di accertamenti, su delega della Procura distrettuale della Repubblica di Catania. E ora i carabinieri della Compagnia di Taormina hanno eseguito un’ordinanza applicativa di arresti domiciliari, con braccialetto elettronico, emessa dal Giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Catania nei confronti di tre persone. Originarie di Piedimonte Etneo e Giarre, le tre persone sono ritenute responsabili – a vario titolo – dei delitti di furto in abitazione aggravato, ricettazione e traffico di sostanze stupefacenti.

Altre sei persone, sempre del comprensorio jonico/etneo, sono indagate in stato di libertà per gli stessi reati e nei loro confronti è stato emesso un avviso di conclusione delle indagini preliminari e informazione di garanzia. Dei tre destinatari della misura degli arresti domiciliari, con braccialetto elettronico, solo due sono stati ristretti presso il proprio domicilio, mentre al terzo è stata notificato il provvedimento al carcere di Caltagirone, dato che è detenuto per omicidio stradale.

L’origine dell’indagine: un incidente mortale nel 2020

L’operazione trae origine dalle indagini avviate dai carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Taormina nel giugno 2020 quando, in un incidente stradale a Giardini Naxos, ha perso la vita un diciannovenne ed è rimasta ferita un’altra persona. Le indagini nascevano dalla necessità di ricostruire chi fosse alla guida. E, a conclusione degl accertamenti, è stata eseguita nell’aprile 2021 un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 26enne di Piedimonte Etneo. L’accusa? I reati di omicidio stradale pluriaggravato, lesioni stradali pluriaggravate e calunnia. Altre tre persone, che erano a bordo dell’autovettura coinvolta nell’incidente mortale, sono state indagate in stato di libertà per i reati di calunnia e favoreggiamento personale. Da queste attività d’indagine sono emersi anche altri reati, con l’ipotesi investigativa di una vera e propria banda specializzata in furti in abitazione e spaccio di stupefacenti in alcuni paesi della provincia di Catania.

Il furto nell’abitazione di un’anziana: 50mila euro il bottino

Le indagini hanno permesso di documentare in particolare un furto in abitazione che sarebbe stato commesso dai tre indagati, a Piedimonte Etneo, ai danni di una persona anziana del luogo. I tre, in quell’occasione, si sarebbero impossessati di una somma di denaro di oltre 50mila euro. Inoltre, nel corso delle perquisizioni domiciliari, i carabinieri hanno rinvenuto altra refurtiva: banconote straniere da collezione, anelli, bracciali, collane orologi in oro e monili vari.

Sopralluoghi e chiavi alterate e, per lo spaccio, sequestrati 500 grammi di cocaina

In primo piano le modalità d’azione della banda: l’autista, i sopralluoghi e le chiavi alterati, per quanto riguarda i furti d’appartamento, e anche la detenzione e spaccio di stupefacenti. Sono stati sequestrati circa 500 grammi di cocaina e altri 200 di hashish.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. GIUSEPPE bruschetta 13 Novembre 2022 17:00

    buttate le chiave

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007