Coronavirus, 60 ostaggi del nemico invisibile nella casa di riposo: è tempo di salvarli - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, 60 ostaggi del nemico invisibile nella casa di riposo: è tempo di salvarli

Rosaria Brancato

Coronavirus, 60 ostaggi del nemico invisibile nella casa di riposo: è tempo di salvarli

mercoledì 25 Marzo 2020 - 12:08
Coronavirus, 60 ostaggi del nemico invisibile nella casa di riposo: è tempo di salvarli

coronavirus- 50 anziani e 13 operatori sono chiusi nella struttura,. Il verdetto dei tamponi è certo, così come il rischio contagio. E' un dramma nel dramma

Diciamolo chiaramente, c’è un luogo nella nostra città, che rischia di diventare come quei focolai delle zone rosse del nord nei quali il dolore ha scandito ogni singolo giorno ed ora dell’emergenza. Ed è la Casa di riposo “Come d’incanto”, travolta da un’ondata di contagi e di ricoveri. Ci sono stati interventi tardivi e superficialità gravissime ma ci sarà tempo per accertare le diverse responsabilità. Oggi è tempo di salvare vite.

Contagiati anziani ed operatori

Perché oggi siamo ancora in tempo. Originariamente gli anziani ospiti erano 71 e gli operatori presenti erano 16. Lunedì 16 c’è stato il primo caso. Eppure, nonostante siano passati quasi 10 giorni, non c’è stata la risposta che ci si aspettava. Ad oggi sono ricoverati al Policlinico 18 di quegli anziani (la 19esima, purtroppo, ieri non ce l’ha fatta ed è morta, le sue condizioni erano aggravate da patologie pregresse). Ne sono rimasti quindi all’interno della struttura 52. Di questi, è logico presumere poiché sono rimasti esposti al contagio per una settimana, il numero dei positivi aumenterà. Ci sono poi 13 operatori (tre di loro ieri hanno lasciato la struttura di via I Settembre per proseguire la quarantena nelle loro case). L’Asp ha effettuato i tamponi sugli operatori con un esito (ed era purtroppo prevedibile) di altissima percentuale di positivi.

Chiusi con il nemico invisibile

Il problema è che la casa di riposo nelle prossime ore sarà chiusa dall’Asp, e scatteranno soluzioni per gli anziani presenti, ma al momento, sono tutti chiusi INSIEME AL NEMICO INVISIBILE. Val la pena ricordare che gli Os sono coloro che si prendono materialmente cura degli anziani, sono cioè quegli operatori che cambiano i panni e le bende, danno da mangiare, puliscono gli anziani, medicano le loro ferite, li girano nel letto. Sono insomma  A STRETTO CONTATTO tutti i giorni. Lo sono stati e lo saranno. Ogni ora che passa è per loro come stare in una prigione con una “condanna certa”, quella del nemico invisibile.

Un dramma nel dramma

Il rischio di contagio è reciproco, per loro e per i nonnini e nonnine ricoverati. Non sono medici, ma sono coloro che in questo momento si prendono cura di 50 anziani e lo fanno privi di presidi di sicurezza. Tute, mascherine, guanti, sono finiti. Nessuno li obbliga a restare ma le sbarre sono quelle del contagio, della paura. E’ un dramma nel dramma. Ogni ora rischiano di vedere uno dei loro accuditi che viene portato via dall’ambulanza per essere trasferito in ospedale. Su 71 anziani un terzo è risultato contagiato, una percentuale che è rimasta bassa solo perché non ci sono stati tamponi a sufficienza.

Nessuno di noi è un numero

Ma, come ha scritto la figlia di una di questi anziani, nessun uomo o donna è un numero, una percentuale. Ogni operatore non è un numero, è una storia, la storia di un padre e una madre di famiglia, di un lavoratore ed una lavoratrice. Ognuno di loro è una storia, è una storia collettiva che ci appartiene. Le scene che abbiamo visto ieri pomeriggio, con le operatrici affacciate al balcone che ascoltavano un verdetto amaro “dovete stare lì” sono terribili. Stiamo assistenti impotenti ad una tragedia. E possiamo solo chiedere scusa.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Speravo che ieri il Sindaco di questo dramma ne parlasse con Barbara d’Urso mentre era alla Caronte. Ma la salute dei cittadini è sempre responsabilità del Sindaco o li no? Da parte tutta la solidarietà a coloro i quali sono ancora chiusi li

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007