Coronavirus. "Quei biglietti per Juve-Lione di febbraio. Ho agito da papà e io e mio figlio non siamo partiti" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus. “Quei biglietti per Juve-Lione di febbraio. Ho agito da papà e io e mio figlio non siamo partiti”

.

Coronavirus. “Quei biglietti per Juve-Lione di febbraio. Ho agito da papà e io e mio figlio non siamo partiti”

. |
martedì 24 Marzo 2020 - 08:00
Coronavirus. “Quei biglietti per Juve-Lione di febbraio. Ho agito da papà e io e mio figlio non siamo partiti”

Coronavirus- Antonio aveva acquistato i biglietti aerei e per il soggiorno a Lione, per la gara di Champions del 26 febbraio. "Ho agito da padre e da cittadino e ho detto a mio figlio che non saremmo partiti. Per il suo bene"

In un momento cosi’ difficile per la nostra città e per i drammi familiari che si consumano ormai da qualche giorno nel nostro paese, anch’io volevo dire la mia dopo aver letto sia la lettera dello “sciatore anonimo” del 21 marzo sia la lettera di Marcella pubblicata a seguire.

Quel biglietto per la Champions

Anch’io sarei potuto essere portatore di virus in occasione dell’incontro di Champios League del 26 febbraio che impegnava la Juventus a Lione ma mi ritengo “meno furbo” di tante altre persone. Io e mio figlio Roberto, dopo aver acquistato i biglietti aerei di A/R Catania-Milano Bergamo e successivamente la trasferta in pulman da Milano (con il club bianconero a cui siamo affiliati) in direzione Lione nonché pagato i biglietti di ingresso allo stadio, soggiorno…ecc…ecc…

Io e mio figlio NON SIAMO PARTITI

Ebbene, siamo rimasti a casa ! NON siamo partiti. Vi assicuro che non è stato facile prendere la decisione di non andare in trasferta anche perché mio figlio voleva partire assolutamente ma, giustamente, lui non ha la mia età…. per cui io da padre, molto meno incosciente, ho pensato che non potevo mettere a repentaglio la salute della mia famiglia in primis e poi quella degli altri al ritorno da Milano e poi Bergamo zone ad alto rischio di contagio.

Ho agito da padre

Cari sciatori (mi riferisco a tutti quelli anonimi), bastava essere poco meno scellerati o sciagurati per rendersi conto dell’altissimo rischio a cui si andava incontro appena tornati a casa. Bastava anche per un attimo pensare che la saluti di tutti è cosa primaria! Mi duole pensare al denaro speso inutilmente per la trasferta anche perché non posso permettermi di seguire la Juventus quando e dove voglio.Sono contento comunque per cio’ che ho fatto, per non aver arrecato danni ad altri, per aver agito rispettando le direttive nazionali e per mostrare a mio figlio che non sono i “deficienti” quelli che osservano le regole.

Le regole non sono un optional

L’osservanza delle regole purtroppo, spesso anche grazie al comportamento dei nostri poco colti politici, sono divenute un optional, carta straccia e non un dovere. (ndr. suo figlio Roberto deve essere orgoglioso di un padre così)

F.to Arch. Antonio Boscia  

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007