"De Luca punisce i poveri": il 16 sit in della Rete anti razzista - Tempo Stretto

“De Luca punisce i poveri”: il 16 sit in della Rete anti razzista

Redazione

“De Luca punisce i poveri”: il 16 sit in della Rete anti razzista

mercoledì 14 Agosto 2019 - 09:02
“De Luca punisce i poveri”: il 16 sit in della Rete anti razzista

Messina- Manifestazione in piazza Unione Europea delle 10.30 alle 13

Il blitz e la gogna social al Palacultura sono stati l’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso e la Rete anti-razzista messinese, insieme alla Comunità africana di Messina scenderanno in piazza per protestare con un sit in che si terrà venerdì 16 agosto dalle 10.30 alle 13.30 in Piazza Unione Europea.

Colpita la povertà

Le recenti ordinanze del Sindaco di Messina contro l’ambulantato e l’accattonaggio hanno usato il tema del decoro per colpire sacche di povertà urbana, che sono escluse per varie ragioni dalla possibilità di procacciarsi un reddito minimamente soddisfacente con altri mezzi oppure di regolarizzarsi- si legge nel comunicato stampa- E’ per esempio il caso di chi – italiano o straniero – abbia riportato condanne penali, non sia stato riabilitato e non possa dunque accedere a una licenza di ambulante. Oppure quello di chi – straniero – sia in attesa di regolarizzare la propria situazione con gli uffici. La lotta al supposto disordine della città e l’imperativo della legalità si sono trasformati in feticci utili a violare diritti fondamentali come quelli alla privacy e all’immagine, attraverso impieghi afflittivi dei social-media volti a dare in pasto all’opinione pubblica persone sospettate di semplici infrazioni. Blitz e altre azioni volte all’acquisizione di consenso sono diventati così strumenti alternativi alle politiche sociali e per l’inclusione, trasformando il disagio e la povertà in reati da affrontare attraverso l’uso delle polizie e la gogna mediatica”.

sit-in

Venerdì quindi la prima mobilitazione contro i recenti comportamenti di De Luca che hanno scatenato sui social una vera e propria gogna mediatica.

Il M5S

Sul blitz al Palacultura interviene anche il M5S evidenziando come l’ennesimo episodio faccia comprendere “quante contraddizioni ci siano in Cateno De Luca: un rappresentante delle istituzioni che professa carità cristiana, spettacolarizzando la propria fede sui social, che poi non si pone scrupoli a umiliare i più fragili e vulnerabili. I consiglieri comunali pentastellati ed i deputati regionali del movimento sottolineano come De Luca da un lato s’inchina in Processione e presenzia a tutte le cerimonie religiose, salvo però poi cacciare in diretta un uomo povero. “Si possono tranquillamente far rispettare le norme anche rimanendo umani. Così si crea ad arte quella irresponsabile strategia secondo la quale ogni cosa che non funziona in città è da scaricare sugli altri, mentre il primo cittadino è esente da ogni colpa

La Chiesa Gospel

La Chiesa cristiana Gospel Dunamis Church Messina (comunità africana) esprime la propria disapprovazione per le modalità con cui è avvenuto lo sgombero al Palacultura dei propri membri. Il Sindaco non può e non deve dimenticare che prima di tutto siamo cristiani e dobbiamo avere sensibilità, carità e umanità per le persone appartenenti alle fasce più deboli. Infatti, più volte il Vescovo protestante Antonio Sturiale ha chiesto ai preposti organi del comune e anche all’ufficio del Sindaco un appuntamento per discutere del problema degli emigranti nella nostra cittadina al fine di ottenere un locale in comodato d’uso per accogliere i fratelli nigeriani che non hanno una dimora , persone che, purtroppo ,già stanno vivendo sulla propria pelle i disagi del decreto Salvini.Non possiamo rimanere impassibili , prima l’ordinanza “anti elemosina” ora questo sgombero …. Dove andranno a dormire i nostri fratelli …e cosa mangeranno …….anche se siamo di diverso colore e di culture differenti siamo tutti stati creati da un unico Dio. Quindi chiedo io personalmente come vescovo della Chiesa Gospel Dunamis Church Messina un appuntamento ufficiale con il Sindaco Cateno De Luca per cercare di trovare una soluzione convenevole

Tag:

6 commenti

  1. I Farisei Radical Chic si strappano le vesti per lo sgombero, effettuato dal Primo Cittadino di Messina, dall’occupazione abusiva di un edificio pubblico, da parte di clandestini non Italiani. I farisei parlano di carità cristiana ma allora questi buoni samaritani come mai non hanno provveduto loro, che conoscono le Sacre scritture, a fornire a costoro un vitto e un degno alloggio? Comunità Militante Messina e l’associazione Sole che Sorgi invitano il Signor Sindaco a continuare nella Sua opera di bonifica e controllo dei luoghi pubblici costruiti e mantenuti con i soldi degli Italiani.

    2
    4
  2. …se vogliono fare la guerra politica Cateno, facciano pure. Io li autorizzo. Ma confondere legalità con umanità è proprio da “poveretti ” !!!

    0
    0
  3. Invito i signori della Messina bene che parlano male di de Luca…. redazione compresa…a lasciare nome cognome e indirizzo…per la redistribuzione presso le loro abitazioni dei suddetti… grazie.

    8
    0
  4. Sono daccordo con tutti voi, Silvio,Carmelo e Loky. E BASTA con questa “umanita” che nessuno di TUTTI quelli che dicono di essere cosi “umani” ma non fanno NIENTE per dimostrarlo! Bello scaricare TUTTO sulle spalle degli altri! Sindaco Cateno De Luca continui per la sua strada e non si faccia intimidire da questi 4 xxxxxxxx che sanno soltanto parlare ma IRRESPONSABILI!!!

    1
    0
  5. Giancarlo Cavallaro 16 Agosto 2019 08:18

    E’ la solita unitile, volgare è ignorante risposta “portateli a casa vostra”. E’ proprio una società di barbari. Uno stato civile, un’amminstrazione civile deve essere in grado di aiutare le persone in difficltà, non di cacciarle per strada senza risolvere o affrontare i problemi. I malati, i vecchi, i disabili devono essre assisti o li porti a casa tua. Questa nostra povera patria ha fatto un passo indietro di secoli ed ha dimenticato quando i poveri eravamo noi. E non sono buonista o radical chic sono cattivissimo e incazzato con questo egoismo razzista e disumano.

    0
    0
  6. Ma perchè non ve li portate a casa vostra !! ……..cari buonisti.
    Poi io pago le tasse regolarmente, perchè chi vende abusivamente frutta e verdura non le deve pagare! Diventando padrone del marciapiede!. Avete mai chiesto ad uno che fa parte di “sacche di povertà urbana” di spostarsi perche’ dovevate passare o posteggiare l’auto. Bisogna rispettare le regole.
    FATE IL SIT IN……… MAHHHH.. Andate dove sicuramente sapete……Aff…..lo.!

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007