Femminicidio Alessandra Musarra, i familiari di Cristian: non era violento - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Femminicidio Alessandra Musarra, i familiari di Cristian: non era violento

Alessandra Serio

Femminicidio Alessandra Musarra, i familiari di Cristian: non era violento

giovedì 17 Settembre 2020 - 07:48
Femminicidio Alessandra Musarra, i familiari di Cristian: non era violento

Alle ultime udienze il processo per il femminicidio a Messina di Alessandra Musarra. I familiari dell'omicida: non era violento

Cristian non era violento, non aveva mai fatto male a nessuno di loro. Era certamente “inquieto”, era stato seguito da uno specialista, ma si temeva potesse far del male a se stesso, non certo agli altri. Parola della madre e della sorella di Cristian Ioppolo, alla sbarra per l’omicidio della ex fidanzata Alessandra Musarra, trovata senza vita nel suo appartamento di Santa Lucia sopra Contesse il 7 marzo 2019.

Le donne hanno deposto ieri al processo, giunto agli sgoccioli. La prossima udienza, il 28 ottobre, servirà a sentire gli ultimi due testimoni, poi si passerà alla fase conclusiva.

Madre e sorella di Cristian hanno testimoniato a lungo, hanno ricostruito la personalità del ragazzo, la sua vita, la relazione con Alessandra, per quel che era a loro conoscenza.

Poi è stata la volta dei consulenti medici delle parti. Sia i medici legali delle parti civili- a cominciare da quelli della famiglia Musarra – che il perito di parte dell’avvocato Alessandro Billè, difensore di Cristian. Consulenti che hanno fornito letture diverse delle condizioni in cui è stata trovata morta Alessandra, letture ultronee anche rispetto alle conclusioni della dottoressa Patrizia Napoli, il medico legale che ha eseguito l’autopsia su incarico della Procura di Messina, qualche giorno dopo l’omicidio.

In particolare i dottori Alessio Asmundo e Umberto Gulletta – consulenti di parte civile – che hanno sottolineato i particolari legati alla “rottura del collo” che avrebbe strozzato Alessandra, portandola alla morte. Il dottor Nino Bondì – consulente della difesa – ha invece sottolineato il fatto che sul corpo di Alessandra non c’erano tutti quei segnali che sono tipici del soffocamento, dello strozzamento violento e accanito,e che ci sono in tutti i casi di soffocamento.

A sua volta la dottoressa Napoli aveva invece sottolineato la sublussazione spinale riscontrata sul corpo della ragazza, un elemento che invece secondo i consulenti di parte non sarebbe decisivo, anzi praticamente escluso. In sostanza si tratta di dire con certezza se Alessandra è morta per strozzamento o se si è rotta l’osso del collo, appunto, magari cadendo accidentalmente o se strattonata. Sul corpo della ragazza, ad esempio, non c’erano segni di lotta, non sembra essersi “aggrappata” a niente né difesa.

L’ultimo a deporre è stato il dirigente sanitario del carcere di Gazzi che ha “accolto” ed esaminato Cristian quando è arrivato dietro le sbarre, quindi la sera dopo l’omicidio: ha confermato di non aver trovato addosso a Cristian segni di scontri fisici né lesioni di alcun genere.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007