Fondazione Magna Gregia: un concorso rivolto a registi, contro gli stereotipi di Muccino - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Fondazione Magna Gregia: un concorso rivolto a registi, contro gli stereotipi di Muccino

Elisabetta Marcianò

Fondazione Magna Gregia: un concorso rivolto a registi, contro gli stereotipi di Muccino

giovedì 22 Ottobre 2020 - 20:02
Fondazione Magna Gregia: un concorso rivolto a registi, contro gli stereotipi di Muccino

Un nuovo cortometraggio capace di promuovere, davvero, la Calabria

Sarà presentato, nei prossimi giorni, il bando diretto a filmakercapaci di cogliere e raccontare la vera identità della Calabria. Le bellezze, la cultura, la sua gente.”
Ad annunciarlo la Fondazione Magna Grecia che premierà “chi saprà raccontare la terra calabrese fuori dai cliché e dagli stereotipi presenti nel corto di Muccino Calabria, terra mia

Uscire dagli stereotipi

Già ieri sera, appena il cortometraggio iniziato a fare il giro dei social, ci sono arrivate le prime chiamate. In moltissimi hanno sottolineato che la Calabria è ben altro. Promuovere la nostra terra, culla della Magna Grecia e della civiltà occidentale, significa sapere uscire dagli stereotipi e raccontare le ricchezze storiche e culturali. Le bellezze naturalistiche di mare e monti, l’anima e il cuore. E magari anche le sue contraddizioni più profonde.” sottolinea il presidente, Nino Foti.

Uscire dal divario nord sud

In virtù di questo si sta lavorando per mettere a punto un bando che risponda in modo concreto alla necessità di narrazione della Calabria. «Mi dispiace – continua Foti – che il regista abbia preferito confezionare uno spot quasi anonimo. Lo sforzo che il Sud e la Calabria stanno facendo è quello di uscire dal passato, dai ritardi che hanno creato un divario infinito tra Nord e Sud.”

Scelte infelici per promuovere la Calabria

La scelta di un tempo passato e di una narrazione stereotipata per promuovere la Calabria è infelice e non rappresenta la terra che tutti noi amiamo e stiamo cercando di aiutare a smarcarsi dai cliché. Un Raul Bova fuori contesto che per la prima volta, dopo anni di vita con Rocío Muñoz Morales, la porta nella terra del padre per rivelarle che il bergamotto si può anche mangiare” continua il presidente.

E’ questa la Calabria che conosciamo, che viviamo e che vogliamo raccontare a chi dovrebbe innamorarsene e sceglierla per le proprie vacanze? Penso proprio di no. E sono sicuro che riusciremo a trovare giovani – o non più giovani – registi capaci di raccontarla diversamente, nella sua autenticità” conclude Foti

Nei prossimi giorni saranno resi noti i termini del bando

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x