Riesame Beta2, cade l'estorsione a Denaro e Grasso - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Riesame Beta2, cade l’estorsione a Denaro e Grasso

Alessandra Serio

Riesame Beta2, cade l’estorsione a Denaro e Grasso

lunedì 26 Novembre 2018 - 18:32
Riesame Beta2, cade l’estorsione a Denaro e Grasso

Il TdL rigetta tutte le richieste di scarcerazione ma fa cadere l'accusa di estorsione contestata a Maurizio Romeo nei confronti dell'imprenditore messinese.

Restano immutate le misure cautelari disposte dal Gip Salvatore Mastroeni lo scorso 29 ottobre nel blitz dell'operazione Beta2, andate al vaglio del Tribunale del Riesame lo scorso giovedì.

Il collegio ha respinto i ricorsi di tutti i difensori. Gli arrestati, quindi, restano tutti in carcere. Il Riesame, presieduto dal giudice Massimiliano Micali, ha però aggiustato il tiro rispetto alla posizione di Maurizio Romeo, "cassando" l'accusa di estorsione nei confronti dell'imprenditore Denaro. Il Tribunale ha cioè annullato la misura cautelare in relazione all'episodio ed all'accusa, mantenendo inalterato il resto del quadro accusatorio. Anche Maurizio Romeo, quindi, resta in carcere, ma il "peso" delle accuse contestate diminiusce.

"L’annullamento disposto dal Tal distrettuale dell’ordinanza di custodia cautelarein carcere relativa alla presunta ipotesi estorsiva contestata al Romeo Maurizio in concorso con altri ai danni del collaboratore Biagio Grasso, nell’attesa di leggere le motivazioni del provvedimento di annullamento, disvela, innanzitutto le criticità dichiarative in ordine alla ricostruzione operata dal predetto collaboratore e rafforza la prospettazione difensiva circa la ritenuta condotta qualificata in termini associativi del nostro Assisitito.", commentano gli avvocati Tancredi Traclò e Nino Cacia, difensori di Romeo.

Era stato proprio l'ex socio Biagio Grasso, infatti, a raccontare agli investigatori l'episodio legato ad una trattativa d'affari che sarebbe stata imposta a Giuseppe Denaro per coprire un debito dei Romeo. Al centro della vicenda c'era la figura di Ivan Soraci, arrestato insieme ai Romeo, allora dipendente di Denaro.

Il 19 novembre scorso il Riesame aveva inoltre annullato gli arresti domiciliari per l'architetto Salvatore Parlato.

Leggi qui per gli approfondimenti sulla vicenda contestata

Leggi qui per gli altri approfondimenti

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007