Il segretario Nino Di Mento lascia la Fast Confsal: "Troppa diversità con i vertici" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il segretario Nino Di Mento lascia la Fast Confsal: “Troppa diversità con i vertici”

Redazione

Il segretario Nino Di Mento lascia la Fast Confsal: “Troppa diversità con i vertici”

sabato 04 Luglio 2020 - 13:06
Il segretario Nino Di Mento lascia la Fast Confsal: “Troppa diversità con i vertici”

Addio sindacale. Lo scontro si è consumato su una profonda diversità di vedute sull'Atm di Messina.

Per tanti anni in prima linea nelle battaglie dei lavoratori portuali di Messina, per il porto di Tremestieri, per l’Autorità dello Stretto. Alla guida del sindacato Fast Confsal è stato riferimento di tanti lavoratori e promotore di tante iniziative. Il segretario Antonino Di Mento ha deciso di lasciare il sindacato. In una lettera tutte le motivazioni che lo hanno spinto a questa decisione. Soprattutto uno scontro nato sulla nuova Atm spa.

«Con molto dispiacere, alla luce del costante impegno che ha caratterizzato la mia attività sindacale per diversi anni in questa Organizzazione, devo prendere atto che l’esperienza, che comunque reputo proficua e costruttiva, non può andare ancora oltre. Mi trovo costretto a rassegnare le dimissioni, non revocabili, da tutti gli organismi e le cariche sindacali che ricopro all’interno della Fast Confsal ad ogni livello, avendo constatato in recenti occasioni una radicale diversità di vedute e nell’azione sindacale, rispetto ai vertici di questa Organizzazione.

Solo ultimo in ordine di tempo è la vertenza ATM Messina, a conferma della diversità di visione sindacale che mi ha costretto a trarre le dovute conclusioni. In un segmento cittadino in cui questa organizzazione sindacale non era mai stata rappresentata, di concerto con un gruppo di lavoratori precari e di una rappresentanza aziendale, ha posto all’attenzione cittadina le gravi irregolarità riscontrate nel percorso che ha portato alla liquidazione dell’azienda di trasporto pubblico locale e con ogni mezzo, dalla mobilitazione alla denuncia ha catalizzato l’attenzione dei media sulla necessaria tutela dei diritti dei 450 lavoratori del TPL e dei numerosi lavoratori autisti precari che hanno visto svanire le loro legittime aspettative di lavoro. 

In diverse settimane la mia opera è stata pertanto orientata a creare, con un gruppo di lavoratori, una netta opposizione alle metodologie attivate dall’attuale management di Atm Spa, per la difesa dell’azienda pubblica e dei diritti dei lavoratori. Ho dovuto prendere atto, anche dopo colloqui intercorsi in merito, che i vertici regionali di questa Organizzazione, non solo non hanno ritenuto di supportarmi nella lotta, ma mi è stato manifestato il palese dissenso in merito alle modalità con cui ho portato avanti la vertenza suggerendomi, un “repentino” cambio radicale di posizione che, di fatto, significava dover abiurare alle legittime denunce e posizioni prese a tutela dei lavoratori, al solo fine di poter facilitare l’inizio di un dialogo sereno e pacifico con i vertici aziendali che magari, così facendo,  avrebbero visto con occhio benevolo l’ingresso della Fast Confsal, riconoscendole la titolarità di rappresentanza in azienda.

E’ superfluo evidenziare che nella mia ormai lunga esperienza sindacale, seppur con modi concertativi, non ho mai operato contro gli interessi dei lavoratori, né tantomeno svenduto ideali e convinzioni, al solo fine di ingraziarmi le benevolenze del primo imprenditore o padroncino di turno.

Quanto constatato in recenti esperienze con questa organizzazione ha fatto maturare pertanto la convinzione in me che l’esperienza sindacale con la Fast Confsal debba concludersi, pertanto nel salutare e ringraziare tutti gli iscritti, gli attivisti e i delegati che hanno condiviso con me questi anni di attività, rassegno con decorrenza immediata le mie dimissioni da ogni carica sindacale».  

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007