Il sindaco di Furci Francilia: "Ripartiamo in sicurezza, basta coprifuoco" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il sindaco di Furci Francilia: “Ripartiamo in sicurezza, basta coprifuoco”

Carmelo Caspanello

Il sindaco di Furci Francilia: “Ripartiamo in sicurezza, basta coprifuoco”

martedì 27 Aprile 2021 - 09:42

Il primo cittadino: "Crea problemi alle attività commerciali e al turismo. In Sicilia si va a mare anche alle 20, quando si dovrebbe uscire? Se si rispettano le regole perché chiudere alle 22?"

FURCI SICULO – “A cosa serve il coprifuoco?”. Se lo chiede il sindaco di Furci Siculo, Matteo Francilia, ad alta voce, rivolgendosi ai suoi concittadini attraverso un video. Il primo cittadino ha subito ringraziato i furcesi “per avere rispettato le regole e fatto tanti sacrifici da un anno a questa parte. Regole che devono essere ancora rispettate – sottolinea – per far fronte all’epidemia. Su questo non si discute. Ma il coprifuoco a cosa serve? Crea una serie di problemi alle attività commerciali. E poi – aggiunge il sindaco – con il coprifuoco alle 22 quali sono i turisti che verrebbero in Sicilia, in Italia? Non verranno mai. Io sono uno di quelli che in estate spesso va a mare, in questa splendida terra di Sicilia, alle 19, 30 ed anche alle 20. Il tempo di fare il bagno, tornare a casa, fare una doccia e mettersi a tavola si è fatte già l’ora di chiudersi in casa. Ci rendiamo conto – incalza il primo cittadino – cosa significhi il coprifuoco alle 22, abbassare le saracinesche dei ristoranti a quell’ora? Servono i controlli e se non si rispettano le regole, a partire dal distanziamento, i ristoratori vanno sanzionati, su questo siamo tutti d’accordo. Ma se le regole vengono rispettate, se non

si creano assembramenti, l’economia deve ripartire, l’orario di chiusura dell’attività deve essere posticipato. Dobbiamo mettere le persone nelle condizioni di programmare. Non comprendo perché – chiosa Francilia – non si possa fare, tra l’altro, una passeggiata in riva al mare dopo le 22 nella massima sicurezza e nel rispetto delle regole. Da noi, in Sicilia, ci sono arenili meravigliosi… Da sindaco e da cittadino dico che il Governo deve eliminare il coprifuoco e posticipare, ripeto nel rispetto delle regole, almeno alla mezzanotte la chiusura dei ristoranti laddove le condizioni lo permettono. E’ ovvio che se c’è una escalation di positivi bisogna intervenire e chiudere, ma se le condizioni lo permettono – conclude il sindaco di Furci Siculo – è necessario mettere le persone nelle condizioni di ripartire come sostengono alcune forze politiche che fanno parte del Governo nazionale e che chiedono l’eliminazione del corpifuoco”.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. non sanno come arrampicarsi sugli specchi pur di ripetere la lezioncina del capo

    1
    0
  2. Siamo messi bene , non sanno gestire l’ordinario vorrebbero fare lo straordinario , per circolare nel tuo piccolo paese bisogna fermare l’orologio perchè si potrebbe perdere la conta ,stai valutando qualche progetto per risolvere la questione oppure anche tu vuoi il ponte sullo stretto per correr a Furci ?

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x