Lo spettacolo Punti di Vista inaugura Autunno all'Odeon - Tempo Stretto

Lo spettacolo Punti di Vista inaugura Autunno all’Odeon

Redazione

Lo spettacolo Punti di Vista inaugura Autunno all’Odeon

giovedì 19 Settembre 2019 - 07:53
Lo spettacolo Punti di Vista inaugura Autunno all’Odeon

Il 23 settembre si riapre alla fruizione dei numerosi turisti presenti a Taormina e agli spettatori interessati l’Odeon Romano. La Fondazione Taormina arte propone un programma di spettacoli di nicchia e di grande qualità.

Lo spazio storico nel cuore di Taormina ritorna finalmente alla sua naturale destinazione di rappresentazioni musicali, teatrali e letterarie grazie al Parco Archeologico Naxos-Taormina. La riapertura vuole riportare il teatro romano di Taormina al suo antico splendore e dare inoltre uno spazio culturale alternativo alla cittadina jonica. Un luogo dove idee innovative possano essere realizzabili e naturalmente possano trovare casa eccellenze in campo artistico.

Produzione creata appositamente per l’inaugurazione

Ad aprire la programmazione di Autunno all’Odeon la Compagnia Nèon con lo spettacolo Punti di vista di Monica Felloni. La produzione, appositamente creata per l’inaugurazione, conferma che ogni possibile distinzione tra diversi può scomparire e che di conseguenza ogni singola diversità può diventare il fulcro significativo dell’essere umano. Punti di vista, racchiude tutti i precedenti spettacoli creati dalla Compagnia Nèon tra i quali Magnificat, Ciatu, Invasioni, Boxeurs. Ancora una volta Piero Ristagno e Monica Felloni, fondatori della compagnia, saranno protagonisti insieme ad attori professionisti e non. Gli artisti, con abilità diverse, coinvolgeranno il pubblico in una sequenza appassionata che ha al centro il genere umano nella sua varietà possibile.

La compagnia

La Compagnia Nèon fondata nel 1985 da Piero Ristagno e Monica Felloni ha all’attivo oltre 30 produzioni teatrali di grande suggestione ed emozione. Diversi i riconoscimenti, tra i quali, nel novembre del 2013, il Premio “Teatri delle diversità” condiviso con l’Associazione Nazionale Critici di Teatro. Inoltre, a partire dal 1989, l’associazione ha curato oltre cento laboratori di teatro, di espressione corporea e di scrittura poetica. Negli spettacoli targati Nèon tutte le forme espressive vengono sondate, plasmate e miscelate. Dalla danza al canto, dalla recitazione alle arti visive alla mimica.

Il corpo è lirica incarnata, segno responsabile. Responsabile di quel che si esprime. Il dramma convive così con la commedia, la tragedia sublimata nell’ironia. La poetica, irrorata dalle frequentazioni con Calvino, Roversi, Fortini, Pasolini, Saramago, Whiltman, Tabucchi, Shakespeare, alimenta le opere della compagnia che fa della eterogeneità un corpo unico in movimento. Gli attori di NeonTeatro è come se ogni volta annunciassero di essere qui. Come una canzone d’amore.

Il restyling dello spazio archeologico

Il restyling dello spazio archeologico è stato realizzato grazie all’intervento finanziario di Sensi Contemporanei, dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, il Mibac e la Sicilia Film Commission.

La stagione Autunno all’Odeon è sostenuta dagli Assessorati Regionali Turismo, Sport e Spettacolo, Beni Culturali e dal Comune di Taormina.

Info

Costo biglietto € 12,00 posto unico

Biglietterie:

Online www.ctbox.it o www.boxol.it

Punti vendita Circuito Boxoffice

Biglietteria in loco Casa del Cinema Corso Umberto, 61 (10.00-20.00. Chiusa il lunedì)

Biglietteria all’entrata dell’Odeon prima dell’inizio dello spettacolo secondo disponibilità di posti.

www.taormina-arte.com

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007