Messina. L'ordinanza sulla movida quasi una tela di Penelope - Tempostretto

Messina. L’ordinanza sulla movida quasi una tela di Penelope

Marco Olivieri

Messina. L’ordinanza sulla movida quasi una tela di Penelope

giovedì 04 Agosto 2022 - 07:03

Da quasi un mese il provvedimento è al centro del dibattito

MESSINA – Una città in cui “buongiorno vuol dire buongiorno”, parafrasando “Miracolo a Milano” di Vittorio De Sica. Era lo scorso 6 luglio quando Tempostretto annunciava, in un’intervista con l’assessora Dafne Musolino, due ordinanze sul tema movida. Una scelta frutto di un confronto istituzionale con le associazioni di categoria per arrivare a un compromesso. Ovvero, “sì” agli interessi econonomici dei gestori dei locali, sì al divertimento, ma nel rispetto delle regole e del diritto al riposo dei residenti.

In apparenza, tutto semplice, no? Eppure, il fatto che si sia arrivati al 4 agosto e che l’ordinanza, dopo l’audizione in commissione, dovrebbe entrare in vigore il 10 agosto, conferma che non sempre “buongiorno significa buongiorno” in questa città. Quello dell’ordinanza, e il tutto nonostante l’apprezzabile impegno dell’assessora Musolino, è diventato il tormentone dell’estate.

Una tela di Penelope metafora di una città che fa fatica a evolversi. Che fa fatica a comprendere quanto il rispetto delle regole possa essere a beneficio di tutti, senza che una parte debba soccombere e una prevalere.

I lettori esasperati e la necessità di rispettare le regole

La vicenda infinita dell’ordinanza conferma che gli interessi contrapposti rischiano di paralizzare ogni proposito alto della politica, in termini di mediazione e di sintesi.

Spesso si perde l’obiettivo: quello di alimentare un’economia e uno svago post pandemia da sostenere, sempre, ma nel rispetto delle normative. Nel rispetto di chi vive nella zona nord o nel centro storico, ad esempio. Non a caso sono tante le segnalazioni ricevute in questo periodo da lettrici e lettori esasperati.

In questa fase, l’assessora ha ricordato, e così anche l’associazione Centro Storico, quali siano le regole da rispettare. E l’ordinanza mira a renderne più efficace l’applicazione: “A Messina tutti hanno più diritto degli altri come mentalità. L’ordinanza si limita a richiamare – ha sottolineato Musolino – quelle che sono le disposizioni di legge, oggetto di una sorta di ripasso nel tavolo con le associazioni di categoria e il sindacato”.

Già sembra rivoluzionario che si sia ricordato che solo i locali in possesso della licenza di pubblico spettacolo, e sottoposti ai controlli della commissione di vigilanza, in base al Tulps, il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, possano organizzare intrattenimento pubblico danzante. Agli altri, la maggioranza, è riservata la possibilità di promuovere solo intrattenimento musicale senza ballo, con note di sottofondo.

Dalle eccessive emissioni acustiche al disturbo della quiete pubblica

L’altro nodo fondamentale è quello delle eccessive emissioni acustiche. Anche in questo campo, con i controlli dell’Arpa – Agenzia regionale per la protezione ambientale, va messo un limite nel rispetto del diritto al riposo.

Il disturbo della quiete pubblica è un reato: stop. E se, provocatoriamente, la Giunta dovesse fare un passo indietro nell’ordinanza, si potrebbe ripartire dal “semplice” rispetto delle norme. Qualcosa di anomalo in una città che stenta a riconoscere la dimensione della comunità.

Una comunità che deve essere vivace, aperta, inclusiva, in una città da trasformare a misura di giovani ma anche di bambini, adulti e anziani. Una città vitale, animata ma senza ledere i diritti altrui. Per questo è importante che i locali si dotino di strumenti per limitare le emissioni sonore. Perché non si debba più scegliere tra svago e caos notturno.

Articoli correlati

Tag:

6 commenti

  1. bonanno giuseppe 4 Agosto 2022 07:48

    che VERGOGNA……

    3
    1
  2. … Come volevasi dimostrare…

    2
    1
  3. 👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏al BRAVISSIMO giornalista per l’analisi PERFETTA,GIUSTA e OBIETTIVA che CONSIGLIO VIVAMENTE di leggere e di IMPARARE A MEMORIA, al Consiglio Comunale nel caso in cui non sappiano cosa DIRE,ma soprattutto COSA FARE.😤nel momento di deliberare😏….un Consiglio Comunale IMPROVVISATO dalla REGIA del prossimo candidato agli OSCAR per la RECITA MAGISTRALE PERENNE ,a cui crede purtroppo, la maggioranza del Popolo che ha permesso tutto ciò 😤…..se non sono in grado di CAPIRE quali sono le PRIORITÀ dei CITTADINI , già la dice lunga su di loro,ma soprattutto lascia allibiti che mettono uno STOP alla PRIORITÀ del RISPETTO e DELLA LEGALITÀ favorendo così la dissoluta ANARCHIA ASSOLUTA proprio per la mancanza di TUTELA e CONTROLLO sul territorio😡……. MESSINA continua a stare sotto il DOMINIO dell’INCIVILTÀ e SREGOLATEZZA perché c’è il TACITO ASSENSO delle ISTITUZIONI che si mettono a PERDERE TEMPO….. È come il ladro che ruba….se non lo fermi , continuerà a rubare…. VOGLIAMO la VIGILANZA al RISPETTO delle REGOLE GIÀ ESISTENTI ,quindi sono pressoché INUTILI le nuove ordinanze fatte a questo punto per PERDERE ulteriore tempo, visto l’ulteriore slittamento alla faccia della LEGALITÀ 😡😤😖!!!!!! ,

    12
    1
    1. …BRAVA ROSARIA… I PIU’ NON CAPISCONO NEANCHE DI COSA SI TRATTA … FA SPECIE CHE NESSUNO ABBIA SPORTO DENUNCIA CONTRO L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER LE SITUAZIONI DI ILLEGALITA’ CHE OGGI VOGLIONO ESSERE GESTITE CON UNA ORDINANZA…

      8
      1
  4. …a Cacasenno fu ordinato dal Re di presentarsi al suo cospetto NUDO MA VESTITO…. A PIEDI MA A CAVALLO… lo sapete come finì? Il re si senti oltraggiato dalle soluzioni trovate da Cacasenno e lo condannò all’impiccagione, lasciandogli la libertà di scegliersi l’albero… Cacasenno scelse un albero giovane alto appena un metro, e così fregò due volte il RE…

    4
    1
  5. L' avvelenata 4 Agosto 2022 14:52

    L’ordinanza riguardante la movida rischia di danneggiare gli interessi economici di alcune categorie e di conseguenza potrebbe rivelarsi un boomerang in termini di consensi elettorali

    3
    4

Rispondi a bonanno giuseppe Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007