Messina. Quegli ex collaboratori di giustizia tornati a delinquere… - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Quegli ex collaboratori di giustizia tornati a delinquere…

Marco Ipsale

Messina. Quegli ex collaboratori di giustizia tornati a delinquere…

sabato 21 Dicembre 2019 - 07:15
Messina. Quegli ex collaboratori di giustizia tornati a delinquere…

Il questore Calvino: "Attenzione alta e risposte pronte". Il procuratore De Lucia: "Riflettere su una serie di limiti da porre a chi conclude lo stato di collaboratore"

MESSINA – Cinque ex collaboratori di giustizia tra i 14 arrestati dell’operazione “Predominio”. Qualcosa non funziona nel sistema? “Non c’è una legge che preveda qualcosa di specifico per persone che hanno scontato il proprio debito con la giustizia – dice il questore di Messina, Vito Calvino -. Il livello di attenzione nei loro confronti resta alto, tant’è che ai primi segnali gli investigatori agiscono. Così in questo caso abbiamo dato una risposta veloce”.

La differenza tra pentito e collaboratore di giustizia è sottile e riguarda soprattutto l’aspetto morale. “Chi collabora è perché ha interesse a farlo, quasi mai per etica – prosegue -. Finito l’interesse a collaborare, capita che non si abbiano altre idee se non quelle di riprendere i vecchi affari, farne di nuovi, stringere legami economici e criminali per ottenere potere e guadagno”.

Sul tema anche il procuratore di Messina, Maurizio De Lucia: “La legge sulla collaborazione è uno strumento fondamentale, senza non si sarebbero potuti fare molti processi perché dai collaboratori sono arrivati contributi fondamentali. Prevede sanzioni gravi per chi torna a delinquere nei dieci anni successivi, anche la revisione dei processi in cui avevano ottenuto benefici. Devono così pagare non solo per i nuovi reati ma anche per quelli che erano stati beneficiati durante la collaborazione. Bisogna riflettere su una serie di limiti da porre a chi conclude lo stato di collaboratore, per esempio il divieto di dimora nei territori in cui delinquevano, ma è un tema di natura legislativa, da discutere in Parlamento”.

L’operazione “Predominio” ha sgominato un’associazione mafiosa dagli aspetti tipici. Ma l’aspetto più inquietante – sottolinea De Lucia – “è il traffico di stupefacenti, soprattutto perché c’è una domanda fortissima e un notevole incremento della distribuzione”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007