Navarra: "Un Commissario per il risanamento". Oggi a Messina i deputati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Navarra: “Un Commissario per il risanamento”. Oggi a Messina i deputati

Rosaria Brancato

Navarra: “Un Commissario per il risanamento”. Oggi a Messina i deputati

giovedì 13 Febbraio 2020 - 07:00
Navarra: “Un Commissario per il risanamento”. Oggi a Messina i deputati

Una delegazione di parlamentari sarà a Messina nelle baraccopoli. Intanto Navarra presenta una proposta contando sul governo amico

La prima battaglia sul risanamento, quella che prevedeva la dichiarazione dello stato d’emergenza, è fallita. L’allora governo nazionale gialloverde si basò sul no della Protezione civile e non se ne fece nulla, nonostante l’ok della giunta Musumeci. Con l’ingresso del Pd nel governo Conte bis qualcosa potrebbe cambiare. E nel giorno in cui una delegazione di parlamentari è in città per visitare le baracche, il deputato dem Pietro Navarra presenta una proposta di legge per la gestione commissariale del risanamento.

230 milioni in 3 anni

La proposta prevede uno stanziamento complessivo di 230 milioni di euro (50 milioni per il 2020 e 90 milioni per ciascuno degli anni 2021 e 2022) per assicurare la realizzazione di quegli interventi indifferibili ed urgenti che permettano il definitivo superamento dell’emergenza sociale.

Un commissario per le baracche

Secondo quanto previsto dalla proposta di legge, toccherà al Commissario Straordinario nominato dal Governo, d’intesa con la Regione Sicilia e il Comune di Messina, programmare l’uso delle risorse finanziarie e sovrintendere alle fasi di prosecuzione e completamento delle attività. Il Commissario potrà avvalersi di strutture delle amministrazioni centrali o territoriali interessate, con particolare riguardo all’Agenzia per il risanamento e la riqualificazione urbana della città di Messina, nel limite delle risorse disponibili.

Navarra: sono fiducioso

Nella mia esperienza professionale e politica – afferma Navarra – ho sempre prestato la massima attenzione alla concretezza dei progetti. Per questo, da quando il Partito Democratico è diventato forza di Governo, ritengo di potere affrontare un problematica così grave per la nostra comunità attraverso strumenti concreti. Sono fiducioso che questo Governo riserverà le dovute attenzioni al degrado in cui si trovano da oltre 100 anni certe aree di Messina“.

L’appello: nessun colore politico

Navarra fa un appello ai parlamentari messinesi e siciliani di aderire alla proposta per dare voce unitaria, al di là delle forze politiche di appartenenza, ad una battaglia che non ha e non deve avere un colore politico. “Generazioni di baraccati messinesi – prosegue Navarra – per più di un secolo hanno vissuto nella metafora di un terremoto infinito, ma anche nella speranza che, prima o poi, la loro vita provvisoria dovesse avere una fine. Ho chiesto ai rappresentanti di Governo di appoggiare la mia iniziativa, per dare riscontri a chi, per troppo tempo, non ha avuto garantita dalle istituzioni la dovuta attenzione“.

Quello stato di emergenza chiesto nel 2018 e non ottenuto è in realtà nei fatti. Basta girare nelle aree degradate che riguardando gli ambiti del risanamento per verificare le condizioni igienico-sanitarie carenti, gli scarichi fognari a cielo aperto, i cumuli di rifiuti abbandonati, le esalazioni maleodoranti, le coperture delle abitazioni in cemento-amianto. L’appello del Comune e della Regione per lo stato d’emergenza era focalizzato proprio sui rischi reali sul piano sanitario.

Dare risposte è un dovere

Non siamo di fronte a un disastro conseguente a una calamità imprevista e imprevedibile, ma abbiamo comunque il dovere – conclude il parlamentare del PD – di rispondere a un grido di soccorso da parte di una comunità attualmente condannata a un ineluttabile sottosviluppo ambientale, economico e sociale”.

Resta da vedere se il governo giallorosso, adesso che l’allarme proviene da un deputato della maggioranza, si deciderà a dare risposte concrete, ovvero quei poteri straordinari che consentirebbero di bypassare lungaggini burocratiche e tempi biblici.

Oggi a Messina i deputati F.I.

Proprio oggi sarà a Messina, una delegazione di parlamentari, rimasti sgomenti dalle immagini della mostra sulle baraccopoli della città dello Stretto, fortemente voluta da Matilde Siracusano. La mostra, con le foto straordinarie di Federico Ficarra, ha suscitato la reazione di quanti forse credevano che la storia delle baracche a Messina fosse una leggenda.

A guidare il gruppo sarà l’ex ministro ed attualmente capogruppo di Forza Italia alla Camera Mariastella Gelmini. Al sopralluogo parteciperanno anche i parlamentari Stefania Prestigiacomo, Renato Schifani, Nino Germanà, Giusi Bartolozzi, Gabriella Giammanco, Urania Papatheu e Francesco Scoma. Saranno, inoltre, presenti il vice sindaco di Messina, Salvatore Mondello, l’assessore regionale agli Enti locali, Bernadette Grasso, e il presidente di ArisMe, Marcello Scurria. I deputati potranno verificare quel che per la verità è sotto gli occhi di tutti da decenni.

Dal 1960 ad oggi……

Che Roma abbia chiuso gli occhi di fronte alle drammatiche condizioni in cui vivono centinaia di famiglie, è un fatto che risale agli anni in cui Pancrazio De Pasquale gridava a gran voce. Restando inascoltato.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. serra salvatore 13 Febbraio 2020 13:16

    questi signori xchè non intervenivano quando il sindaco DE LUCA ha chiesto quasi 2 anni fa i poteri speciali x emergenza sanitaria, adesso si ricordano tutti, chissà xchè?probabilmente il sindaco politicamente FA PAURA. Ricordo a tutti che la città in quel momento è stata lasciata da sola da tutte le istituzioni, la battaglia è stata condotta soltanto da SINDACo – GIUNTA – CONSIGLIO COMUNALE e ARISME.

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007