Oneri riflessi al Comune di Messina, scagionati ex consiglieri Sauta e Caliò

Oneri riflessi al Comune di Messina, scagionati ex consiglieri Sauta e Caliò

Alessandra Serio

Oneri riflessi al Comune di Messina, scagionati ex consiglieri Sauta e Caliò

giovedì 25 Giugno 2020 - 08:00
Oneri riflessi al Comune di Messina, scagionati ex consiglieri Sauta e Caliò

Corte d'appello fa cadere accusa di truffa per tre ex consiglieri comunali di Messina condannati per gli oneri riflessi

Ribaltata in appello la sentenza sulla vicenda degli oneri riflessi liquidati dal Comune di Messina ai tre ex consiglieri comunali Elio Sauta, Tonino Caliò e Marco Arcidiacono.

La Corte d’appello (presidente Tripodo), accogliendo la richiesta dei difensori – gli avvocati Salvatore Papa, Alberto Gullino e Anna Maria Lombardo – li ha assolti tutti perché il fatto non sussiste. Con un verdetto contestuale alle motivazioni, i giudici di secondo grado demoliscono il verdetto emesso un anno fa dal giudice monocratico.

La presente vicenda processuale appare, a giudizio di questa Corte, piuttosto bizzarra – scrivono i giudici – Si è ipotizzato che la parte offesa danneggiata dalla truffa – ordita dall’ente datoriale con i suoi organi e la complicità del dipendente, fosse il Comune, ma non è stato neppure prospettato nel corpo del capo di imputazione che i permessi retribuiti non meritassero il rimborso erogato perché, per esempio, il dipendente non avesse svolto in quelle giornate funzioni pubbliche. Non si comprende dunque perché l’Accusa abbia prospettato che il Comune fosse parte danneggiata se in realtà non veniva neppure prospettato che i rimborsi non erano dovuti”.

Un altro passaggio: “Non esiste nessuna residua possibilità di configurare le truffe ipotizzate…difetta…l’ingiusto profitto…gli artifici e raggiri”.

Insomma, non ci fu alcuna truffa, per i giudici d’appello, che scagionano i tre ex consiglieri comunale con formula piena.

Al centro del processo c’erano i rimborsi che il Comune paga a coop o imprese che hanno tra i dipendenti consiglieri comunali i quali devono assentarsi per lo svolgimento dell’attività amministrativa. Ai tre venivano contestati i rimborsi del 2012.

Secondo la Polizia Giudiziaria della Polizia che eseguì gli accertamenti, alcuni di loro erano assunti fittizziamente proprio per intascare il rimborso. L’ente di formazione Aram i due soggetti in questo caso il beneficiario.

leggi qui TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SU ONERI RIFLESSI

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Disoccupato grazie a Sauta 25 Giugno 2020 12:46

    Santo subito Elio Sauta…poverino.
    Si vede anche dalla foto.
    Poveri noi😂😂

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007